AFTE

Creato da admin
AFTE - AFTE

Le afte sono piccole ulcere singole o in gruppo all’interno della bocca o sotto la lingua.
Pur essendo dolorose, non segnalano l’inizio di una malattia infiammatoria cronica e non hanno conseguenze sulla crescita.A differenza dell’herpes, non sono contagiose.
Quando sono numerose e interessano diverse zone della bocca può essere diffìcile masticare e deglutire. In tal caso si parla di stomatite aftosa.
Possono essere ricorrenti e formarsi più volte nel corso dell’anno: in molti casi i bambini che ne sono colpiti hanno genitori che ne hanno sofferto a loro volta.

I sintomi

Le afte possono avere le dimensioni di una capocchia di spillo, in altri casi sono grandi come una monetina. Appaiono rapidamente e scompaiono in un periodo di tempo che può andare da qualche giorno a un paio di settimane. Se superano i 10 millimetri di diametro possono durare anche 30 giorni. Pian piano, le ulcere lasciano il posto a lesioni di
colore biancastro: è il segnale di inizio della guarigione.
Si distinguono dall’herpes perché, a differenza di questo, che compare sulla parte dura delle gengive e sul labbrone afte si presentano sulla parte molle delle guance o all’interno del labbro.

Le cause

Le afte possano essere dovute a un’ipersensibilità nei confronti dei batteri che si trovano normalmente nella bocca. Possono anche accompagnare un’infezione delle tonsille.
Se sono ricorrenti Possono essere dovute a intolleranze o allergie alimentari, mancanza di ferro,di vitamina B12 o di acido folico.
Se si accompagnano a febbre periodica Può trattarsi di un’infezione detta PFAPA (febbre periodica con stomatite aftosa, adenite e faringite), che dura da 3 a 6 giorni e si risolve con la crescita.

Come si affronta
Con le misure igieniche

■ È importante che il bambino tenga la bocca pulita,lavandosi i denti dopo ogni pasto. Se non riesce a farlo perché prova dolore, può fare degli sciacqui con un collutorio composto in parti uguali di acqua e acqua ossigenata.

Con l’alimentazione

■ Per facilitare la guarigione vanno evitati alimenti ruvidi o salati, oppure acidificanti, come carne e pesce, zucchero, agrumi, cioccolata e bevande che contengono caffeina, come quelle a base di cola. Si consigliano invece cibi di consistenza molle o semiliquida, come yogurt e formaggi freschi, minestre tiepide di verdura, succhi o frullati di verdura e frutta, a esclusione degli agrumi. Se il bambino fa fatica a masticare, si possono frullare gli alimenti e farglieli bere con una cannuccia.
■ Se sospettate che a provocare le afte sia un alimento, eliminatelo per 2 settimane e, una volta che queste sono guarite, provate a offrirlo nuovamente al bambino. Se le afte si ripresentano, consultatevi con il pediatra.

Con l’aromaterapia

■ Mettete 1 goccia di olio essenziale di geranio e 1 goccia di olio essenziale di lavanda in mezzo bicchiere di acqua e fate fare al bambino sciacqui 3-4 volte al giorno, fino a mi-
glioramento.

Con gli integratori

In caso di afte ricorrenti il medico può prescrivere integrazioni di vitamine e minerali. La vitamina E, sotto forma di olio, può essere applicata direttamente sulle afte. Si perfora con uno spillo la capsula in cui è contenuto l’olio e si spreme sulla parte interessata, tre volte al giorno, fino a miglioramento.

Con la medicina omeopatica

Nel caso in cui ci si trovi di fronte a una crisi acuta e non si riesca a contattare il medico, si consigliano i seguenti rimedi, da adottare nelle prime 48 ore, in attesa di indicazioni precise. I granuli si sciolgono in poca acqua in un bicchiere o in un cucchiaino di plastica (non di metallo), e si somministrano lontano dai pasti.
■ Come rimedio generale: Borax 5 CH, 3 granuli 3-4 volte al giorno.
■ In caso di afte sui lati della lingua con dolore bruciante che migliora con bevande calde: Arsenicum album 5 C/7,3 granuli 3 volte al giorno.
■ Se le afte si presentano sul palato o sulla lingua, accompagnate da alito cattivo e lingua impastata o da un’infezione delle vie aeree superiori:Mercurius solubilis 5 CH, 3 granuli 3 volte al giorno.

Con la medicina convenzionale
■ Il pediatra può prescrivere una soluzione antisettica da spennellare in bocca. Se le afte disturbano molto il bambino, può consigliare il paracetamolo.

Quando rivolgersi al medico
Chiamate immediatamente il pediatra se:

■ Avete il sospetto che il piccolo abbia ingerito una sostanza velenosa.
Chiamatelo durante le ore di ambulatorio se:
■ Il bambino ha più di 38 °C di febbre.
■ Non beve abbastanza.
■ Ha afte anche sulle palpebre o sui genitali.
■ Le sue condizioni generali peggiorano.
■ Le afte sono più di 4 o 5.
■ Le gengive sono rosse, molli e ingrossate oppure presentano un rigonfiamento rosso o giallo.

Originally posted 2014-10-02 09:31:11.

Comments

comments

afye palato molle bambini.