BAGNETTO

Creato da admin
BAGNETTO - BAGNETTO

A partire dall’ottavonono mese, quando il bambino è in grado di stare sedutoci consiglia di trasferire la vaschetta dentro la vasca da bagno. In tal modo potrà abituarsi gradualmente alla vasca grande, che lo accoglierà dopo il primo anno, munita di un tappetino antiscivolo sul fondo o di un seggiolino da bagno.
A questa età può succedere che il bambino si mostri spaventato quando deve lavare i capelli, in genere perché l’acqua negli occhi gli dà fastidio. In tal caso è importante non insistere né forzarlo per non estendere la sua avversione al bagnetto in generale.
Per superare il problema gli si può mettere intorno alla testa una ciambella di plastica per impedire che l’acqua coli sul viso oppure gli si può dare in mano il telefono della doccia con un getto delicato di acqua tiepida e lasciare che sia lui a bagnarsi. In alternativa, possiamo fargli appoggiare la testa sul lavandino, come se fosse dal parrucchiere e lavargli i capelli con spugnature.

Quando sta male

Il bagnetto si può fare anche con tosse, raffreddore e febbre, a patto che l’ambiente sia ben riscaldato e che si evitino gli sbalzi di temperatura, che possono peggiorare la condizione di indebolimento dell’organismo. In queste condizioni, oltre a non essere pericoloso, il contatto con l’acqua è anzi benefico: dà una sensazione di sollievo e di benessere diffuso mentre l’aria caldo-umida fluidifica il muco. Se la febbre è alta, il bagnetto può essere fatto con acqua tiepida, a 34 °C. Il bambino va poi asciugato facendo attenzione a non esporlo a tempera- ture più basse della stanza in cui gli è stato fatto il bagnetto.

Originally posted 2014-09-30 14:01:53.

Comments

comments