Comportamento e psicologia




Così come i pediatri stanno cercando di favorire la riscoperta delle tradizioni, per quanto riguarda la cura del bambino in senso generale gli esperti di psicologia dell’età evolutiva mirano a far recuperare alle mamme la sana consapevolezza che per allevare un bambino è bene anche affidarsi al proprio istinto. Sì, si sta parlando proprio di quell’istinto materno in senso ampio che per anni è stato svalutato, dimenticato, giudicato non una guida importante, quanto piuttosto un retaggio di cui disfarsi. Per istinto materno non s’intende solo l’impulso di una donna di prendersi cura del proprio piccolo, ma anche della capacità di prendere le decisioni giuste per il suo benessere psicoemotivo. Perche, se è vero che in caso di febbre ci sono regole precise da osservare per tutti i bambini, è certo che nell’ambito dell’emotività ogni mamma, dando ascolto al proprio istinto, può agire nel migliore dei modi in relazione al figlio. Così come i cuccioli dell’uomo sono dotati di antenne speciali che permettono loro di captare l’amore materno fino a trasformarlo in linfa vitale per la sfera psicoemotiva, anche le mamme possiedono sensibili radar in grado di individuare come rispondere ai bisogni psicologici del figlio. E non solo: ogni mamma ha la sua personalità e il suo temperamento da cui non può prescindere. Ogni madre è dunque unica: se riesce ad acquisirne consapevolezza può riuscire a superare la paura di sbagliare per poi dare ascolto a se stessa, ai suoi desideri, alle sue convinzioni, ai suoi sentimenti e costruire un legame d’amore forte, sano e gratificante per entrambi.

Originally posted 2014-10-06 10:29:11.

Sullistinto materno - Sull'istinto materno Sull’istinto materno

Così come i pediatri stanno cercando di favorire la riscoperta delle tradizioni, per quanto riguarda la cura del bambino in senso generale gli esperti di psicologia dell’età evolutiva mirano a far recuperare alle mamme la sana consapevolezza che per allevare un bambino è bene anche affidarsi al proprio istinto. Sì, si sta parlando proprio di quell’istinto materno in senso ampio che per anni è stato svalutato, dimenticato, giudicato non

Learn more


amore - AMORE E INTELLIGEN7A AMORE E INTELLIGEN7A

Vari studi hanno evidenziato che l’amore, la tenerezza, la dolcezza favoriscono l’espansione del cervello e, quindi, giocano un loro ruolo nello sviluppo dell’intelligenza. La madre cheta sentire il bambino amato, accudito, protetto, voluto gli garantisce anche la possibilità di sviluppare al meglio le attività cognitive, da cui dipendono l’apprendimento e le capacità logiche. Ma non solo: crescere in un clima amorevole consente di sviluppare la cosiddetta “resilienza”,

Learn more


socialità - Il linguaggio e la socialità Il linguaggio e la socialità

I bambini sono programmati per comunicare e interagire con il mondo esterno. Fin dai primi giorni sanno esprimere quello che provano non solo attraverso il pianto, ma anche con il silenzio e le espressioni del viso Allo Messo tempo, sono in grado di recepire con chiarezza i segnali che chi si OCCUpa di lui riesce a inviargli con i gesii. con le parole e il tono di

Learn more


Per un rapporto sereno con il cibo - Per un rapporto sereno con il cibo Per un rapporto sereno con il cibo

Rapporto con il cibo: quando è buono Il rapporto con il cibo è sempre molto soggettivo. Ogni bambino lo sviluppa gradualmente a partire dal primo anno di vita, sia grazie all’esperienza che va via via acquisendo, sia grazie alla sempre maggiore capacità di focalizzare le sensazioni collegate all’atto di nutrirsi. Posto questo, più in generale un buon rapporto con il cibo si instaura quando mangiare mantiene la

Learn more


Staccarsi dal bambino - Staccarsi dal bambino Staccarsi dal bambino

Nel primo anno di vita del bambino ci si può trovare alle prese con situazioni che possono suscitare una certa dose di smarrimento in una mamma, soprattutto se alla sua prima esperienza. Tra tutte, il ritorno al lavoro è quasi di sicuro la più destabilizzante, anche perché è in questa occasione che per la prima volta si affida ad altri la custodia del figlio. C’è la questione

Learn more


Papà laltro grande amore - Papà: l'altro grande amore Papà: l’altro grande amore

Il papà non è semplicemente un elemento che fa da sfondo alla coppia madre-figlio, ed è importante esserne pienamente consapevoli per evitare che decida di fare un passo indietro, sentendosi ingiustamente di troppo. Lo psicanalista Daniel Stern ha detto che il padre è l’essenza di un quadro in cui ogni singola parte ha senso solo in relazione alle altre. Niente di più vero, se solo si pensa

Learn more


A chi lasciarlo - A chi lasciarlo? A chi lasciarlo?

Per quanto riguarda la delicata domanda “a chi lasciarlo quando tornerò al lavoro?” è opportuno, prima di scegliere, valutare attentamente tutte le opzioni. La baby sitter Si può ricorrere di tanto in tanto a una tata anche prima di ritornare al lavoro (o anche al di là del fatto di andare o meno a lavorare), così come si può scegliere questa soluzione per quando scade il

Learn more


Non di solo latte - Non di solo latte Non di solo latte

Prendersi cura del bambino non vuol dire naturalmente limitarsi a dargli da mangiare. Fin dalle primissime ore di vita il bebé ha bisogno non solo del latte, ma anche di essere cambiato, lavato, cullato, consolato, tenuto a contatto con il corpo della mamma (e anche del papà). Ogni piccolo gesto che si compie per lui serve a costruire un legame che favorirà il suo sviluppo psicoemotivo, così

Learn more


Il neonato sa - Il neonato "sa" Il neonato “sa”

In un passato non troppo lontano vi era la ferma convinzione che il neonato fosse un essere completamente avulso dalla realtà circostante, privo di emozioni in senso stretto, capace solo di avvertire vaghe e indifferenziate sensazioni negative legate a una sofferenza fisica prodotta, per esempio, dalla fame, dal freddo, dal contano con il pannolino sporco, da uno spasmo intestinale. Si credeva, inoltre, che la sua niente fosse

Learn more


Prevenire i disturbi alimentari - Prevenire i disturbi alimentari Prevenire i disturbi alimentari

Per fare in modo che il piccolo abbia un rapporto equilibrato con il cibo si deve stare molto attenti a non snaturare il significato primario dell atto di nutrirsi. Usare il cibo come un’arma di intimidazione o di ricatto, pronunciando frasi del tipo:”Se non finisci la pappa dopo non puoi giocare”, oppure: “Mangia altrimenti me ne vado”, è profondamente sbagliato e apre la strada al rischio

Learn more