Crescita e alimentazione




DA RICORDARE

Le sonorità naturali sono molto gradite al bambino, in particolare quelle che evocano l’acqua, e gli ricordano il liquido amniotico, di cui avvertiva il dondolìo quando la mamma si muoveva o passeggiava.
Per tranquillizzarlo non è necessario limitarsi a proporgli melodie dolci. Per ben nove mesi, è stato vicino al “tamburo” del cuore materno. Ecco perché anche le sonorità percussive possono calmarlo e stimolare le funzioni fisiologiche.

Non solo musica classica

Fin dai primi giorni di vita è importante che il bambino ascolti la musica: non solo Io rilassa, ma lo aiuta anche a strutturare il senso dell’udito e sviluppare l’equilibrio. A differenza della vista, l’udito si sviluppa fin dal secondo trimestre di gravidanza. Nonostante la barriera del corpo materno, il piccolo riesce a percepire i suoni alti, tra i 3000 e i 20.000 hertz, tipici della musica di Mozart. Per questo Don Campbell, autore di numerosi libri sull’effetto della
musica sul cervello, sostiene che la musica di Mozart, in specifico, ma anche quella barocca, in genere, sia la migliore per stimolare la creazione di nuove connessioni neuronali, e le aree del cervello specializzate nel favorire la motivazione e la creatività: questi brani sono ricchi infatti di simmetrie e modelli ricorrenti che riescono a stimolare sia l’emisfero destro che quello sinistro del cervello,col risultato di integrare le due funzioni. È stato inoltre dimostrato che i bambini prematuri ai quali si fa ascoltare la musica classica aumentano più velocemente di peso, lasciano l’ospedale in un tempo più breve e hanno una maggiore probabilità di sopravvivenza.
Fatta questa premessa, la cosa però più importante è proporre al bambino la musica che amiamo noi. Spiega Franco Brera, musicologo:”I bambini possono ascoltare di tutto, fatti salvi alcuni criteri di buonsenso: sono proibiti i volumi assordanti ed è bene evitare alcuni brani contemporanei dai suoni stridenti,che possono risultare angoscianti. Per il resto,è essenziale che il piccolo, con le sue straordinarie antenne, si accorga al più presto che quel suono procura piacere alla mamma e al papà. Oltre alla musica classica, vanno bene quindi jazz leggero, musica gospel, Raga indiani e musica folk”.

Quello che fa la differenza è il gusto musicale dei genitori. L’ascolto evoca infatti nel bambino sensazioni e sentimenti che sono mediati dalla relazione emotiva che ha con loro. Nella scelta della musica da proporgli è fondamentale quindi farsi guidare dal proprio gusto personale, senza privilegiare un genere piuttosto che un altro per il suo presunto effetto sedativo. Vale la pena invece di confidare nell’intimità emotiva con il bambino condividendo con lui il piacere dell’ascolto.

Originally posted 2014-09-29 15:15:20.

MUSICA - MUSICA MUSICA

DA RICORDARE Le sonorità naturali sono molto gradite al bambino, in particolare quelle che evocano l’acqua, e gli ricordano il liquido amniotico, di cui avvertiva il dondolìo quando la mamma si muoveva o passeggiava. Per tranquillizzarlo non è necessario limitarsi a proporgli melodie dolci. Per ben nove mesi, è stato vicino al “tamburo” del cuore materno. Ecco perché anche le sonorità percussive possono calmarlo e stimolare

Learn more


ANIMALI DOMESTICI - ANIMALI DOMESTICI ANIMALI DOMESTICI

Le regole di igiene ■ L’animale deve essere in buona salute, controllato dal veterinario si, con il calendario delle vaccinazioni in regola. ■Ciotole per il cibo e vaschette per l’acqua vanno lavate frequentemente, così come bisogna spesso pulire a fondo cucce, brande e gabbie. Nello svolgere questi compiti, si consiglia di indossare guanti di gomma per evitare il contatto diretto con feci e urine. Una volta

Learn more


SESSUALITÀ - SESSUALITÀ SESSUALITÀ

È solo a partire dai 2 anni che il bambino inizia a rendersi conto delle differenze tra i due sessi e inizia a toccarsi i genitali. L’esplorazione del proprio corpo è infatti una tappa precisa dello sviluppo infantile, definita fallico-esibizionista. A questo proposito va ricordato che la sessualità dei bambini è completamente diversa da quella degli adulti. In primo luogo non è orientata verso un’altra persona,

Learn more


IGIENE E CURE QUOTIDIANE - IGIENE E CURE QUOTIDIANE IGIENE E CURE QUOTIDIANE

Oltre a essere importanti dal punto di vista igienico Je cure quotidiane sono un momento fondamentale di intimità in cui il piccolo impara a conoscere il suo corpo tramite carezze e delicati massaggi. Vanno svolte quindi in un’atmosfera rilassata e tranquilla. Le esigenze di igiene cambiano secondo l’età. Nei primi mesi l’organismo non possiede ancora gli anticorpi necessari per difendersi dalle infezioni: e indispensabile quindi seguire precise regole

Learn more


SE LA MAMMA STA MALE - SE LA MAMMA STA MALE SE LA MAMMA STA MALE

Quando si può allattare Malattie renali e diabete Non impediscono di allattare Malattie infettive delle vie respiratorie Influenza, bronchite, faringite e otite non presentano controindicazioni. È importante però prendere la precauzione di utilizzare una mascherina durante la poppata, per evitare di contagiare il bambino con le microscopiche goccioline di saliva contenute nel respiro. Miopia grave Essendo un disturbo legato all’alterazione delle strutture dell’occhio, non è influenzato dall’attività

Learn more


direitos dos bebés - La crescita La crescita

Nel corso dei primi mesi di vita il bambino aumenta di peso da 3 a 9 chilogrammi, e cresce in altezza da SO a 75 centimetri. È come se noi. nel giro di un anno, arrivassimo a superare i 2 metri di altezza e triplicassimo il nostro peso. I tempi e i ritmi di crescita del bambino dipendono da fattori ereditari e sono assolutamente soggettivi: ce chi

Learn more


CAMMINARE1 - I tempi variano da bimbo a bimbo I tempi variano da bimbo a bimbo

Non tutti i bambini raggiungono gli obiettivi di crescita nella stessa epoca, secondo le stesse modalità. Per quanto riguarda il gattonare, che consiste nello spostarsi sulle quattro zampe, non è considerato una tappa obbligata, come del resto non lo è avanzare sul sedere o strisciando. Ci sono bambini che iniziano a camminare saltando completamente questa fase, senza che per questo vi sia in loro qualcosa di cui preoccuparsi. Così

Learn more


crescita - La crescita La crescita

Se nei primi 12 mesi il bambino acquista un peso tre volte superiore a quello che aveva alla nascita, man mano che passano gli anni la crescita si fa più lenta, fino alla pubertà, quando si assiste a una forte ripresa che poi di nuovo diminuisce per arrestarsi nelle femmine intorno ai 16-18 anni, e nei maschi intorno ai 19-20 anni.A partire dal secondo anno

Learn more


RIMPROVERI LODI E PUNIZIONI - RIMPROVERI, LODI E PUNIZIONI RIMPROVERI, LODI E PUNIZIONI

Punizioni, pressioni, collera, ricatti, ritiro dell’affetto sono tutti sistemi che nel lungo periodo non sono mai risultati efficaci nell’educazione del bambino. Per insegnare la disciplina,o meglio ancora,perché l’autocontrollo divenga parte integrante del suo atteggiamento abituale, è necessario fargli sperimentare quali siano gli effetti concreti del suo cattivo comportamento, rendendolo consapevole delle conseguenze dirette delle sue azioni. Il bambino piccolo infatti non ha ancora chiaro il

Learn more


MUSICA - MUSICA MUSICA

Appena il bambino riesce a picchiare con un legnetto su una superficie, può essere già considerato pronto per i primi giochi musicali: basta tamburellare un ritmo con un cucchiaio su una pentola e chiedergli di imitarci. Se poi accompagniamo le percussioni con canzoncine e parole libere, apprenderà più facilmente il ritmo del linguaggio: veloce o lento, forte o piano, imparando ad aspettare il proprio turno per intervenire. Uno

Learn more