Crescita e alimentazione




A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene protratta a lungo, oltre i 3 anni di vita, e per diverse ore al giorno, può provocare danni ai denti che potranno essere corretti con un apparecchio.
In ogni caso è importante rispettare i tempi di ogni bambino, che sono soggettivi, evitando di rivolgersi a lui con giudizi, critiche o rimproveri, che caricano la suzione di sensi di colpa e di ansia. Eliminare il succhiotto nella speranza che se ne dimentichi ottiene spesso il risultato opposto. Il bambino inizierà a cercarlo disperatamente, ossessionato dall’idea di avere perso un oggetto prezioso.
È bene comunque non lasciare che si abitui ad avere il succhiotto in bocca tutto il giorno, ma offrirglielo solo quando ha bisogno di consolazione o al momento del sonno, inserendolo nei riti che precedono la nanna. Quando è intento a giocare o sta con gli altri gli si può proporre di metterlo da parte, per esempio in una scatolina da tenere nel lettino.

Soltanto nel momento in cui vedremo che può fare a meno del ciuccio per lunghi periodi,e questo può avvenire tra i 2 e i 5 anni,possiamo prendere in considerazione l’idea di toglierlo. A questo scopo si può eseguire un piccolo rituale per confermare il distacco definitivo: regalarlo a qualcuno come una cosa di grande valore oppure buttarlo nel laghetto dei giardini pubblici perché ci giochino i pesciolini. L’importante è che il bambino partecipi all’evento e si senta coinvolto attivamente nel rito: se avrà nostalgia del ciuccio, saprà che è stato lui ad aver scelto di abbandonarlo.

Originally posted 2014-10-01 15:54:55.

SUCCHIOTTO E POLLICE - SUCCHIOTTO E POLLICE SUCCHIOTTO E POLLICE

A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene

Learn more


peso - Il peso Il peso

Il peso del bambino è un indice di benessere, è il dato che più di ogni altro nei primi mesi di vita aiuta a capire se la crescita sta avvenendo in modo armonioso e soddisfacente. In generale, quello che conta di più non è “quanto” il piccolo cresce, ma la regolarità con cui avviene l’aumento di peso: un segnale davvero preoccupante è, infatti, non che l’incremento sia

Learn more


SONNO1 - SONNO SONNO

A partire dai 3 mesi di vita il bambino cambia la qualità del suo sonno e si avvicina maggiormente quella dell’adulto: riduce il sonno attivo, instabile, leggero, con frequenti risvegli e movimenti, per aumentare via via le fasi di sonno profondo. A 4 mesi circa il 90% dei bambini dorme almeno sei ore di continuo. Ma non c’è da preoccuparsi se un piccolo non rientra

Learn more


Conoscere il bambino1 - Conoscere il bambino Conoscere il bambino

Se fino a 2-3 mesi il bambino non aveva molti contarti con il mondo esterno e sembrava ascoltare solo i suoi bisogni, reagendo con il pianto a ogni situazione di malessere o di disagio, ora presta molta più attenzione a quello che lo circonda: le coliche e i pianti serali sono sostituiti dal gioco e da un’intensa comunicazione con i genitori. In questo periodo, e almeno

Learn more


SEGGIOLONE - SEGGIOLONE SEGGIOLONE

Quando, verso i 6 mesi, il bambino è in grado di restare seduto da solo, può essere messo a sedere sul seggiolone. Questo va usato solo per la pappa o per farlo partecipare al pranzo della famiglia, e per non più di mezz’ora di seguito: costringe infatti il piccolo, che ha bisogno di esercitare liberamente tutte le parti del corpo, in una pozione che ne

Learn more


SCARABOCCHI - SCARABOCCHI SCARABOCCHI

Già a un anno, se mai riesce a impadronirsi di un gessetto, una matita o un pennarello, il bambino si diverte a scarabocchiare dove capita. La maggior parte degli esperti sostiene che in questa prima fase le linee che disegna non rappresentano né comunicano qualcosa, ma presto, man mano che il piccolo si impadronisce della capacità di controllare il segno che traccia sul foglio, i suoi tratti

Learn more


SONNO - SONNO SONNO

Fin dai tempi più antichi i filosofi e gli uomini di scienza hanno cercato di scoprire che cosa succede durante la notte alle persone che dormono, ma è solo dall’inizio del secolo scorso che si è arrivati a una conclusione: il sonno non serve solo a mettere a riposo i vari sistemi dell’organismo e a recuperare le energie, ma è fondamentale per sviluppare i processi cognitivi, la

Learn more


culla - La culla La culla

La culla non è un acquisto necessario perché il neonato può tranquillamente dormire nella carrozzina. In più, si può usare per un tempo davvero limitato: dal momento in cui il bambino inizia a girarsi bisogna sostituirla con il lettino, per evitare il rischio di cadute. Le culle sono imbottite all’interno e dondolano se vengono scosse lievemente. Molti modelli sono dotati di ruote, anche se non sono indispensabili

Learn more


Lintegrazione di vitamine - L'integrazione di vitamine L’integrazione di vitamine

La vitamina D Nei primi mesi di vita, l’opportunità di somministrare al bambino allattato al seno un’integrazione di vitamina D è ormai ampiamente condivisa dal mondo scientifico. L’idea che sia una scelta corretta si basa sul fatto che il latte materno non è molto ricco di questa sostanza. La vitamina D è indispensabile per la crescita e la salute delle ossa, perché favorisce l’assorbimento intestinale

Learn more


GIOCO E GIOCATTOLI - GIOCO E GIOCATTOLI GIOCO E GIOCATTOLI

Attraverso l’attività spontanea del gioco, il bambino impara a riconoscere le varie parti del suo corpo, ascolta i propri vocalizzi, si incuriosisce al mondo che lo circonda, osserva con estrema attenzione gli oggetti che gli capitano sotto mano, intraprende i suoi primi esperimenti di fìsica sulla forza di gravità buttando gli oggetti per terra, dà sfogo alle sue emozioni, si consola, passa da zone conosciute a situazioni ignote

Learn more