Bambino da 12 a 36 mesi




È solo a partire dai 2 anni che il bambino inizia a rendersi conto delle differenze tra i due sessi e inizia a toccarsi i genitali. L’esplorazione del proprio corpo è infatti una tappa precisa dello sviluppo infantile, definita fallico-esibizionista.
A questo proposito va ricordato che la sessualità dei bambini è completamente diversa da quella degli adulti. In primo luogo non è orientata verso un’altra persona, ma alla conoscenza del proprio corpo. Inoltre, mentre gli adulti tendono a concentrare il piacere all’area genitale, i piccoli godono di ogni forma di contatto fisico: amano toccarsi i genitali, ma anche ricevere coccole e carezze in ogni altra parte del corpo.
Nell’infanzia infatti il tatto è il senso più sviluppato: non è limitato principalmente alle zone erogene, ma coinvolge ogni zona.Alle attenzioni che il bambino rivolge agli organi sessuali non va data quindi particolare importanza.
Toccandosi i genitali il bambino e la bambina possono raggiungere un alto grado di eccitazione. In alcuni casi i maschi sperimentano una vera e propria erezione, mentre nelle femmine clitoride e mucosa vaginale esterna, sottoposte a frizione, si arrossano e si irrorano di sangue. In nessun caso, però, questo piacere è paragonabile a quello degli adulti. Non esiste un crescendo verso l’orgasmo, ma una piacevole e diffusa sensazione di calore che molte bambine, se si chiede loro che cosa provano, definiscono solletico.
Questi giochi genitali, che non possono essere definiti masturbazione, sono simili a qualsiasi altro gioco rivolto alla ricerca del piacere perché uniscono tre componenti che nella sessualità adulta possono essere assenti:curiosità,divertimento, esplorazione. Non devono quindi destare preoccupazione. Sono anzi una prova del fatto che il bambino ha un rapporto soddisfacente con i genitori, con i quali ha vissuto esperienze di piacere che ora cerca di sostituire.
Sono infatti i bambini molto amati, che più di altri hanno nostalgia delle attenzioni ricevute,a cercare di attenuare il dispiacere della separazione: toccarsi diventa un sostituto delle cure materne, come la bambola o l’orsacchiotto che abbracciano prima di addormentarsi.

Originally posted 2014-10-01 15:09:15.

SESSUALITÀ - SESSUALITÀ SESSUALITÀ

È solo a partire dai 2 anni che il bambino inizia a rendersi conto delle differenze tra i due sessi e inizia a toccarsi i genitali. L’esplorazione del proprio corpo è infatti una tappa precisa dello sviluppo infantile, definita fallico-esibizionista. A questo proposito va ricordato che la sessualità dei bambini è completamente diversa da quella degli adulti. In primo luogo non è orientata verso un’altra persona,

Learn more


crescita - La crescita La crescita

Se nei primi 12 mesi il bambino acquista un peso tre volte superiore a quello che aveva alla nascita, man mano che passano gli anni la crescita si fa più lenta, fino alla pubertà, quando si assiste a una forte ripresa che poi di nuovo diminuisce per arrestarsi nelle femmine intorno ai 16-18 anni, e nei maschi intorno ai 19-20 anni.A partire dal secondo anno

Learn more


RIMPROVERI LODI E PUNIZIONI - RIMPROVERI, LODI E PUNIZIONI RIMPROVERI, LODI E PUNIZIONI

Punizioni, pressioni, collera, ricatti, ritiro dell’affetto sono tutti sistemi che nel lungo periodo non sono mai risultati efficaci nell’educazione del bambino. Per insegnare la disciplina,o meglio ancora,perché l’autocontrollo divenga parte integrante del suo atteggiamento abituale, è necessario fargli sperimentare quali siano gli effetti concreti del suo cattivo comportamento, rendendolo consapevole delle conseguenze dirette delle sue azioni. Il bambino piccolo infatti non ha ancora chiaro il

Learn more


MUSICA - MUSICA MUSICA

Appena il bambino riesce a picchiare con un legnetto su una superficie, può essere già considerato pronto per i primi giochi musicali: basta tamburellare un ritmo con un cucchiaio su una pentola e chiedergli di imitarci. Se poi accompagniamo le percussioni con canzoncine e parole libere, apprenderà più facilmente il ritmo del linguaggio: veloce o lento, forte o piano, imparando ad aspettare il proprio turno per intervenire. Uno

Learn more


SUCCHIOTTO E POLLICE - SUCCHIOTTO E POLLICE SUCCHIOTTO E POLLICE

A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene

Learn more


SCARABOCCHI - SCARABOCCHI SCARABOCCHI

Già a un anno, se mai riesce a impadronirsi di un gessetto, una matita o un pennarello, il bambino si diverte a scarabocchiare dove capita. La maggior parte degli esperti sostiene che in questa prima fase le linee che disegna non rappresentano né comunicano qualcosa, ma presto, man mano che il piccolo si impadronisce della capacità di controllare il segno che traccia sul foglio, i suoi tratti

Learn more


LINGUAGGIO - LINGUAGGIO LINGUAGGIO

L’apprendimento del linguaggio richiede la coordinazione di decine di muscoli e una perfetta sintonia tra i centri nervosi del cervello e gli organi necessari alla formulazione della parola. Non sorprende quindi che vi siano notevoli differenze tra un bambino e l’altro nell’apprendere le parole, nella capacità di articolarle correttamente e in quella ancora più diffìcile di usarle per formulare i concctti.Al di là di quello

Learn more


IGIENE E CURE QUOTIDIANE - IGIENE E CURE QUOTIDIANE IGIENE E CURE QUOTIDIANE

L’abitudine all’igiene personale nasce dalla sensazione di benessere che il bambino prova nel sentirsi pulito. Per questo anziché dirgIi:”Laviamoci la faccia, che è sporca”, vale la pena di fare una proposta in positivo:”Hai un faccino così bello,peccato che non si veda:andiamo a lavarlo”. Quando si rientra a casa e prima di mangiare abituiamolo a lavarsi le mani e la faccia. Per aiutarlo a fare da solo, dopo

Learn more


CAPRICCI REGOLE E LIMITI - CAPRICCI, REGOLE E LIMITI CAPRICCI, REGOLE E LIMITI

Intorno ai 2 anni ha inizio un periodo della crescita conosciuto come l’età del no. Con le sue arrabbiature e testardaggini estreme il bambino tenta di affermare se stesso come individuo e annunciare che non è più disposto ad accettare passivamente le scelte degli adulti. Da qui nascono quelli che noi chiamiamo capricci, ma che in realtà per lui sono soltanto il modo per chiarire a

Learn more


DISCUSSIONI IN CASA - DISCUSSIONI IN CASA DISCUSSIONI IN CASA

Ancora prima di capire le nostre parole, il bambino sa cogliere e assorbire i nostri stati d’animo: se siamo tranquilli o in ansia, lo sarà anche lui. Non riuscendo a separare del tutto se stesso dai genitori, si sente al centro del mondo e tende ad attribuire a sé la causa di tutto quello che succede, compresi i loro malumori, di cui si considera il diretto

Learn more