Bambino da 12 a 36 mesi




A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene protratta a lungo, oltre i 3 anni di vita, e per diverse ore al giorno, può provocare danni ai denti che potranno essere corretti con un apparecchio.
In ogni caso è importante rispettare i tempi di ogni bambino, che sono soggettivi, evitando di rivolgersi a lui con giudizi, critiche o rimproveri, che caricano la suzione di sensi di colpa e di ansia. Eliminare il succhiotto nella speranza che se ne dimentichi ottiene spesso il risultato opposto. Il bambino inizierà a cercarlo disperatamente, ossessionato dall’idea di avere perso un oggetto prezioso.
È bene comunque non lasciare che si abitui ad avere il succhiotto in bocca tutto il giorno, ma offrirglielo solo quando ha bisogno di consolazione o al momento del sonno, inserendolo nei riti che precedono la nanna. Quando è intento a giocare o sta con gli altri gli si può proporre di metterlo da parte, per esempio in una scatolina da tenere nel lettino.

Soltanto nel momento in cui vedremo che può fare a meno del ciuccio per lunghi periodi,e questo può avvenire tra i 2 e i 5 anni,possiamo prendere in considerazione l’idea di toglierlo. A questo scopo si può eseguire un piccolo rituale per confermare il distacco definitivo: regalarlo a qualcuno come una cosa di grande valore oppure buttarlo nel laghetto dei giardini pubblici perché ci giochino i pesciolini. L’importante è che il bambino partecipi all’evento e si senta coinvolto attivamente nel rito: se avrà nostalgia del ciuccio, saprà che è stato lui ad aver scelto di abbandonarlo.

Originally posted 2014-10-01 15:54:55.

SUCCHIOTTO E POLLICE - SUCCHIOTTO E POLLICE SUCCHIOTTO E POLLICE

A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene

Learn more


SCARABOCCHI - SCARABOCCHI SCARABOCCHI

Già a un anno, se mai riesce a impadronirsi di un gessetto, una matita o un pennarello, il bambino si diverte a scarabocchiare dove capita. La maggior parte degli esperti sostiene che in questa prima fase le linee che disegna non rappresentano né comunicano qualcosa, ma presto, man mano che il piccolo si impadronisce della capacità di controllare il segno che traccia sul foglio, i suoi tratti

Learn more


LINGUAGGIO - LINGUAGGIO LINGUAGGIO

L’apprendimento del linguaggio richiede la coordinazione di decine di muscoli e una perfetta sintonia tra i centri nervosi del cervello e gli organi necessari alla formulazione della parola. Non sorprende quindi che vi siano notevoli differenze tra un bambino e l’altro nell’apprendere le parole, nella capacità di articolarle correttamente e in quella ancora più diffìcile di usarle per formulare i concctti.Al di là di quello

Learn more


IGIENE E CURE QUOTIDIANE - IGIENE E CURE QUOTIDIANE IGIENE E CURE QUOTIDIANE

L’abitudine all’igiene personale nasce dalla sensazione di benessere che il bambino prova nel sentirsi pulito. Per questo anziché dirgIi:”Laviamoci la faccia, che è sporca”, vale la pena di fare una proposta in positivo:”Hai un faccino così bello,peccato che non si veda:andiamo a lavarlo”. Quando si rientra a casa e prima di mangiare abituiamolo a lavarsi le mani e la faccia. Per aiutarlo a fare da solo, dopo

Learn more


CAPRICCI REGOLE E LIMITI - CAPRICCI, REGOLE E LIMITI CAPRICCI, REGOLE E LIMITI

Intorno ai 2 anni ha inizio un periodo della crescita conosciuto come l’età del no. Con le sue arrabbiature e testardaggini estreme il bambino tenta di affermare se stesso come individuo e annunciare che non è più disposto ad accettare passivamente le scelte degli adulti. Da qui nascono quelli che noi chiamiamo capricci, ma che in realtà per lui sono soltanto il modo per chiarire a

Learn more


DISCUSSIONI IN CASA - DISCUSSIONI IN CASA DISCUSSIONI IN CASA

Ancora prima di capire le nostre parole, il bambino sa cogliere e assorbire i nostri stati d’animo: se siamo tranquilli o in ansia, lo sarà anche lui. Non riuscendo a separare del tutto se stesso dai genitori, si sente al centro del mondo e tende ad attribuire a sé la causa di tutto quello che succede, compresi i loro malumori, di cui si considera il diretto

Learn more


ORDINE - ORDINE ORDINE

L’ordine è uno degli argomenti sui quali da sempre si scontrano intere generazioni di genitori e figli. Per prevenire tensioni e conflitti, è importante iniziare fin dai primi anni a trasmettere al bambino alcune semplici abitudini. La sera, prima di andare a letto, dedichiamo un momento speciale per mettere le cose al loro posto. Se questo rito assume la stessa importanza della pappa, del

Learn more


FAVOLE E RACCONTI - FAVOLE E RACCONTI FAVOLE E RACCONTI

Proviamo a disegnare un drago: la lunga coda coperta di scaglie,gli occhi che escono dalle orbite, la lingua che dardeggia fuoco. Mostriamolo a un eschimese, a un italiano e a un bantu africano: tutti capiranno che si tratta di una figura minacciosa, anche se nessuno lo ha mai visto. È questo il linguaggio mitico delle fiabe, che incanta il bambino perché parla la sua stessa lingua.

Learn more


SOLE - SOLE SOLE

Il sole favorisce la sintesi della vitamina D, fondamentale per lo sviluppo osseo. A questo scopo sono sufficienti 10 minuti al giorno all’aperto. Se però l’esposizione diretta ai raggi del sole è più lunga, è necessario prendere delle precauzioni, non solo perché la pelle del bambino è più fragile di quella degli adulti, ma perché, se passa molto tempo ai giardinetti o sulla spiaggia, è

Learn more


SOCIALIZZAZIONE - SOCIALIZZAZIONE SOCIALIZZAZIONE

Le relazioni con gli altri influenzano non soltanto lo sviluppo emotivo e sociale, ma anche quello cognitivo. Le esperienze sociali in età precoce costringono il bambino a tener conto dei diritti e delle sensibilità degli altri, al di fuori della famiglia. Stando con i coetanei impara infatti a correggere le distorsioni che inevitabilmente caratterizzano il suo rapporto esclusivo con i genitori. Se in casa i

Learn more