Bambino da 12 a 36 mesi




L’abitudine all’igiene personale nasce dalla sensazione di benessere che il bambino prova nel sentirsi pulito. Per questo anziché dirgIi:”Laviamoci la faccia, che è sporca”, vale la pena di fare una proposta in positivo:”Hai un faccino così bello,peccato che non si veda:andiamo a lavarlo”.
Quando si rientra a casa e prima di mangiare abituiamolo a lavarsi le mani e la faccia. Per aiutarlo a fare da solo, dopo i 2 anni possiamo sistemare una pedana affinché riesca a raggiungere più facilmente lavandino e rubinetti. Il miscelatore va regolalo in modo da evitare scottature.
Il bagnetto va fatto quotidianamente o a giorni alterni, e può trasformarsi in un lungo periodo di gioco.

Quale sapone

Il sapone più compatibile con la pelle e il classico sapone di Marsiglia, prodotto esclusivamente con olio di oliva e senza profumazioni aggiunte che nei bambini predisposti potrebbero causare reazioni allergiche. Nell’acquistarlo bisogna verificare che sulla saponetta sia dichiarato: fatto unicamente con olio d’olita. Esistono infatti in commercio molti saponi tipo Marsiglia che utilizzano ingredienti diversi.
■ Per motivi igienici,è preferibile acquistare saponi liquidi, perché in tal modo non si corrono rischi di contaminazione da germi. Nei negozi specializzati si trova anche il sapone di Marsiglia liquido.
■ Sono da preferire i saponi sulla cui etichetta sia dichiarato il grado di acidità, che viene indicato dalla sigla pH seguita da un numero. Per rimanere liscia,clastica, morbida e trasparente, la pelle deve essere leggermente acida, avere cioè un pH compreso tra 4 e 6.

Quale shampoo

Lo shampoo del bambino deve essere delicato e poco schiumoso, oppure oleoso, in modo da idratare il cuoio capelluto senza alterare la naturale struttura dei capelli. Se è troppo aggressivo,il fusto del capello si secca,si elettrizza e diventa più facile alla rottura.
Lo shampoo può essere usato anche tutti i giorni a patto che venga diluito con un po’d’acqua prima dell’applicazione.

Originally posted 2014-10-01 12:32:32.

IGIENE E CURE QUOTIDIANE - IGIENE E CURE QUOTIDIANE IGIENE E CURE QUOTIDIANE

L’abitudine all’igiene personale nasce dalla sensazione di benessere che il bambino prova nel sentirsi pulito. Per questo anziché dirgIi:”Laviamoci la faccia, che è sporca”, vale la pena di fare una proposta in positivo:”Hai un faccino così bello,peccato che non si veda:andiamo a lavarlo”. Quando si rientra a casa e prima di mangiare abituiamolo a lavarsi le mani e la faccia. Per aiutarlo a fare da solo, dopo

Learn more


CAPRICCI REGOLE E LIMITI - CAPRICCI, REGOLE E LIMITI CAPRICCI, REGOLE E LIMITI

Intorno ai 2 anni ha inizio un periodo della crescita conosciuto come l’età del no. Con le sue arrabbiature e testardaggini estreme il bambino tenta di affermare se stesso come individuo e annunciare che non è più disposto ad accettare passivamente le scelte degli adulti. Da qui nascono quelli che noi chiamiamo capricci, ma che in realtà per lui sono soltanto il modo per chiarire a

Learn more


DISCUSSIONI IN CASA - DISCUSSIONI IN CASA DISCUSSIONI IN CASA

Ancora prima di capire le nostre parole, il bambino sa cogliere e assorbire i nostri stati d’animo: se siamo tranquilli o in ansia, lo sarà anche lui. Non riuscendo a separare del tutto se stesso dai genitori, si sente al centro del mondo e tende ad attribuire a sé la causa di tutto quello che succede, compresi i loro malumori, di cui si considera il diretto

Learn more


ORDINE - ORDINE ORDINE

L’ordine è uno degli argomenti sui quali da sempre si scontrano intere generazioni di genitori e figli. Per prevenire tensioni e conflitti, è importante iniziare fin dai primi anni a trasmettere al bambino alcune semplici abitudini. La sera, prima di andare a letto, dedichiamo un momento speciale per mettere le cose al loro posto. Se questo rito assume la stessa importanza della pappa, del

Learn more