Bambino da 3 a 6 mesi




Non tutti i bambini raggiungono gli obiettivi di crescita nella stessa epoca, secondo le stesse modalità. Per quanto riguarda il gattonare, che consiste nello spostarsi sulle quattro zampe, non è considerato una tappa obbligata, come del resto non lo è avanzare sul sedere o strisciando. Ci sono bambini che iniziano a camminare saltando completamente questa fase, senza che per questo vi sia in loro qualcosa di cui preoccuparsi. Così come non ci si deve spaventare se il bambino non gattona, in relazione ai primi passi non bisogna avere fretta. Camminare è un’abilità motoria che tutti i bambini sani raggiungono, perché l’essere umano e geneticamente programmato per stare in posizione eretta e spostarsi sulle gambe. La fascia di età in cui é possibileche il bambino cominci a camminare é comunque molto ampia: ci sono bambini che intorno ai 10 mesi riescono già a farlo e altri che a 13 mesi ancora non muovono un passo, senza che questa differenza sia segno di un divario anche dello sviluppo intellettivo. Camminare molto presto o molto tardi non è infatti un indice di maggiore o minore intelligenza, né autorizza a fare previsioni sulla capacità di apprendimento. Solo se dopo i 16 mesi compiuti il bambino non accenna a rare alcun passo neppure con appoggio si può essere in presenza di
un disturbo psicomotorio su cui diventa necessario indagare. Ma l’incapacità di camminare dopo i 16 mesi é sempre associata ad altri ritardi che di sicuro il pediatra avrà già individuato nel corso delle visite di controllo.

Originally posted 2014-10-06 10:03:05.

CAMMINARE1 - I tempi variano da bimbo a bimbo I tempi variano da bimbo a bimbo

Non tutti i bambini raggiungono gli obiettivi di crescita nella stessa epoca, secondo le stesse modalità. Per quanto riguarda il gattonare, che consiste nello spostarsi sulle quattro zampe, non è considerato una tappa obbligata, come del resto non lo è avanzare sul sedere o strisciando. Ci sono bambini che iniziano a camminare saltando completamente questa fase, senza che per questo vi sia in loro qualcosa di cui preoccuparsi. Così

Learn more


SONNO1 - SONNO SONNO

A partire dai 3 mesi di vita il bambino cambia la qualità del suo sonno e si avvicina maggiormente quella dell’adulto: riduce il sonno attivo, instabile, leggero, con frequenti risvegli e movimenti, per aumentare via via le fasi di sonno profondo. A 4 mesi circa il 90% dei bambini dorme almeno sei ore di continuo. Ma non c’è da preoccuparsi se un piccolo non rientra

Learn more


Conoscere il bambino1 - Conoscere il bambino Conoscere il bambino

Se fino a 2-3 mesi il bambino non aveva molti contarti con il mondo esterno e sembrava ascoltare solo i suoi bisogni, reagendo con il pianto a ogni situazione di malessere o di disagio, ora presta molta più attenzione a quello che lo circonda: le coliche e i pianti serali sono sostituiti dal gioco e da un’intensa comunicazione con i genitori. In questo periodo, e almeno

Learn more


SEGGIOLONE - SEGGIOLONE SEGGIOLONE

Quando, verso i 6 mesi, il bambino è in grado di restare seduto da solo, può essere messo a sedere sul seggiolone. Questo va usato solo per la pappa o per farlo partecipare al pranzo della famiglia, e per non più di mezz’ora di seguito: costringe infatti il piccolo, che ha bisogno di esercitare liberamente tutte le parti del corpo, in una pozione che ne

Learn more


GIOCO E GIOCATTOLI - GIOCO E GIOCATTOLI GIOCO E GIOCATTOLI

Attraverso l’attività spontanea del gioco, il bambino impara a riconoscere le varie parti del suo corpo, ascolta i propri vocalizzi, si incuriosisce al mondo che lo circonda, osserva con estrema attenzione gli oggetti che gli capitano sotto mano, intraprende i suoi primi esperimenti di fìsica sulla forza di gravità buttando gli oggetti per terra, dà sfogo alle sue emozioni, si consola, passa da zone conosciute a situazioni ignote

Learn more


PISCINA - PISCINA PISCINA

Già dopo i 3-4 mesi è possibile portare il bambino in piscine adatte ai lattanti. Qui può immergersi insieme a uno dei genitori e seguire, volendo, un corso di acquaticità. Il contatto con l’acqua esercita un benefico micro-massaggio sulla pelle, rilassa la muscolatura senza esporla a sforzi eccessivi, ma soprattutto facilita lo sviluppo fisico e motorio con l’apprendimento dello schema corporeo, ovvero la scoperta da

Learn more


LINGUAGGIO - LINGUAGGIO LINGUAGGIO

Fin da quando apre gli occhi al mondo, il bambino parla: gorgoglia, strilla, sbuffa, fo versetti. I suoni che emette non solo riflettono il suo stato di benessere o di malessere, ma gli servono a imparare una sequenza di movimenti con la bocca che poi userà per formare parole dotate di significato. È a partire dal quarto mese che i versetti dei primi mesi diventano balbettii sempre

Learn more


IGIENE E CURE QUOTIDIANE1 - IGIENE E CURE QUOTIDIANE IGIENE E CURE QUOTIDIANE

A 3 mesi il bambino possiede un sistema immunitario più maturo, che permette al suo organismo di difendersi dalle infezioni. La sterilizzazione di succhiotti,biberon e tettarelle può diradarsi,per essere poi abbandonata del tutto dopo i 5-6 mesi. Il piatto, il bicchiere e il cucchiaino della pappa possono essere tranquillamente lavati insieme a tutte le altre stoviglie di casa. L’unico accorgimento da seguire, se si

Learn more


crescita - La crescita La crescita

Tra i 4 e i 6 mesi il bambino aumenta il suo peso di circa 100-150 grammi la settimana.a volte anche di più, mentre guadagna 6 centimetri di statura. La circonferenza cranica cresce di circa 3 centimetri. Le visite di controllo Se non vi sono altre necessità il bambino va fatto visitare dal pediatra a 3 e a 6 mesi. Durante questo periodo non è

Learn more


LETTINO - LETTINO LETTINO

Quando lo spazio della culla non è più sufficiente, è necessario passare al lettino, che può ospitare il bambino fino ai 3-4 anni. Se è molto più grande del bambino,è bene utilizzarne solo il terzo inferiore, in modo che il piccolo tocchi con i piedini le sponde e non possa scivolare con la testa sotto le coperte. Il materasso non deve essere morbido, ma

Learn more