Bambino da 3 a 6 mesi




I vari modelli coprono le diverse esigenze. In linea generale, se il bambino è nato in estate o in primavera, e comincerà quindi a usare il passeggino nei mesi più freddi, questo deve avere sponde laterali alte che proteggano dai rigori dell’inverno. Se invece inizia a usarlo quando la temperatura è mite, si può optare anche per modelli più leggeri e maneggevoli. Più in particolare, oltre alla velocità e praticità di chiusura del passeggino, nella scelta del modello vanno esaminate le seguenti caratteristiche.

Le ruote

Piccole e piroettanti – Sono adatte alle superfici piane e lisce e permettono di curvare e cambiare direzione con estrema rapidità. Sui terreni irregolari, come pavé, acciottolati e sterrati sono invece poco governabili. Le ruote che sono provviste del fermo si possono trasformare in ruote fìsse, rendendo così il passeggino più stabile.
Grandi e fisse – Ammortizzano le irregolarità del terreno e permettono di spingere il passeggino con poco sforzo. Hanno lo svantaggio di non poter essere trasformate, quando serve, in piroettanti.
Medie – Alcuni passeggini hanno ruote di 22 centimetri di diametro, che permettono di affrontare agevolmente le salite e le discese dai gradini dei marciapiedi.
Con battistrada – Dotate di ammortizzatori, consentono di portare senza fatica il bambino sulla sabbia, sui prati, in montagna.

I freni

Si trovano sulle ruote posteriori del passeggino e possono essere:
Singoli – Essendo indipendenti, richiedono due diversi movimenti del pie-
de per il blocco completo del passeggino.
A barra – Agiscono contemporaneamente su entrambe le ruote, con un unico movimento del piede. Sono i più indicati se si vive in collina o in montagna, dove l’utilizzo del freno deve essere il più possibile rapido e pratico.

I tessuti di rivestimento

Colone – Assorbe l’umidità, ma attrae polvere e sporcizia.Va lavato spesso.
Poliestere – È più resistente e pratico del cotone: se si macchia, si può pulire passando un panno umido nel punto sporco, senza dover lavare tutto il rivestimento. Inoltre si asciuga in fretta.
Tessuto a composizione mista – Si sporca più facilmente del poliestere puro, ma è più resistente del cotone.
Tessuto antipioggia – È un tessuto sintetico che in caso di maltempo non si impregna d’acqua.

Originally posted 2014-09-30 09:51:05.

PASSEGGINO - PASSEGGINO PASSEGGINO

I vari modelli coprono le diverse esigenze. In linea generale, se il bambino è nato in estate o in primavera, e comincerà quindi a usare il passeggino nei mesi più freddi, questo deve avere sponde laterali alte che proteggano dai rigori dell’inverno. Se invece inizia a usarlo quando la temperatura è mite, si può optare anche per modelli più leggeri e maneggevoli. Più in particolare, oltre

Learn more


RITI - I RITI I RITI

Il bambino non conosce il mondo tramite i concetti, come l’adulto, ma attraverso i sentimenti. Più che con le parole, impara con i fatti e le emozioni. È questo il motivo per cui i riti, carichi di significati affettivi, curano e rassicurano. Ripresentandosi puntualmente in determinate situazioni, gli fanno capire che alcune certezze ritornano continuamente per sostenerlo nei momenti difficili. La ripetizione di precise abitudini, come

Learn more


Lalimentazione - L'alimentazione L’alimentazione

Fino al quinto-sesto mese il latte costituisce l’elemento essenziale dell alimentazione del bambino. Solo in seguito si inizierà a diversificare la sua dieta. Lo svezzamento Per i pellerossa svezzare un bambino, cioè introdurre nella sua alimentazione cibi diversi dal latte, significa fargli dimenticare la mamma. In modo più sbrigativo e meno poetico i francesi esprimono lo stesso concetto con il verbo sevrer,che significa recidere,mentre gli

Learn more


VACANZE - VACANZE VACANZE

Fino ai 6 mesi l’esposizione diretta ai raggi del sole va evitata il più possibile, perché provoca irritazioni della pelle e abbassa le difese immunitarie. Durante le passeggiate il bambino può essere tenuto al riparo da un cappello a tesa larga e dall’ombrellino del passeggino. Durante le vacanze è importante mantenere il più possibile i suoi ritmi di vita, in particolare gli orari del sonno e

Learn more


CAMMINARE1 - I tempi variano da bimbo a bimbo I tempi variano da bimbo a bimbo

Non tutti i bambini raggiungono gli obiettivi di crescita nella stessa epoca, secondo le stesse modalità. Per quanto riguarda il gattonare, che consiste nello spostarsi sulle quattro zampe, non è considerato una tappa obbligata, come del resto non lo è avanzare sul sedere o strisciando. Ci sono bambini che iniziano a camminare saltando completamente questa fase, senza che per questo vi sia in loro qualcosa di cui preoccuparsi. Così

Learn more


SONNO1 - SONNO SONNO

A partire dai 3 mesi di vita il bambino cambia la qualità del suo sonno e si avvicina maggiormente quella dell’adulto: riduce il sonno attivo, instabile, leggero, con frequenti risvegli e movimenti, per aumentare via via le fasi di sonno profondo. A 4 mesi circa il 90% dei bambini dorme almeno sei ore di continuo. Ma non c’è da preoccuparsi se un piccolo non rientra

Learn more


Conoscere il bambino1 - Conoscere il bambino Conoscere il bambino

Se fino a 2-3 mesi il bambino non aveva molti contarti con il mondo esterno e sembrava ascoltare solo i suoi bisogni, reagendo con il pianto a ogni situazione di malessere o di disagio, ora presta molta più attenzione a quello che lo circonda: le coliche e i pianti serali sono sostituiti dal gioco e da un’intensa comunicazione con i genitori. In questo periodo, e almeno

Learn more


SEGGIOLONE - SEGGIOLONE SEGGIOLONE

Quando, verso i 6 mesi, il bambino è in grado di restare seduto da solo, può essere messo a sedere sul seggiolone. Questo va usato solo per la pappa o per farlo partecipare al pranzo della famiglia, e per non più di mezz’ora di seguito: costringe infatti il piccolo, che ha bisogno di esercitare liberamente tutte le parti del corpo, in una pozione che ne

Learn more


GIOCO E GIOCATTOLI - GIOCO E GIOCATTOLI GIOCO E GIOCATTOLI

Attraverso l’attività spontanea del gioco, il bambino impara a riconoscere le varie parti del suo corpo, ascolta i propri vocalizzi, si incuriosisce al mondo che lo circonda, osserva con estrema attenzione gli oggetti che gli capitano sotto mano, intraprende i suoi primi esperimenti di fìsica sulla forza di gravità buttando gli oggetti per terra, dà sfogo alle sue emozioni, si consola, passa da zone conosciute a situazioni ignote

Learn more


PISCINA - PISCINA PISCINA

Già dopo i 3-4 mesi è possibile portare il bambino in piscine adatte ai lattanti. Qui può immergersi insieme a uno dei genitori e seguire, volendo, un corso di acquaticità. Il contatto con l’acqua esercita un benefico micro-massaggio sulla pelle, rilassa la muscolatura senza esporla a sforzi eccessivi, ma soprattutto facilita lo sviluppo fisico e motorio con l’apprendimento dello schema corporeo, ovvero la scoperta da

Learn more