Bambino da 6 a 12 mesi




Il peso del bambino è un indice di benessere, è il dato che più di ogni altro nei primi mesi di vita aiuta a capire se la crescita sta avvenendo in modo armonioso e soddisfacente.
In generale, quello che conta di più non è “quanto” il piccolo cresce, ma la regolarità con cui avviene l’aumento di peso: un segnale davvero preoccupante è, infatti, non che l’incremento sia modesto, ma che non si verifichi del tutto per più di 7-10 giorni. Posto questo, nei primi tre mesi di vita è considerato normale un aumento minimo di 125 grammi la settimana, oppure di 500 grammi al mese: sotto questa soglia è possibile che il piccolo non mangi abbastanza, quindi bisogna consultare il pediatra.
L’aumento di peso va calcolato partendo dal peso più basso raggiunto dopo la nascita, cioè dal peso raggiunto dopo il cosiddetto “calo ponderale fisiologico”. Il fenomeno è la conseguenza di quello che succede nei primi giorni dopo la nascita: il bambino elimina pipì e meconio (prime feci), ma non è in grado di inghiottire quantità di latte sufficienti per reintegrare i liquidi che espelle. Di fatto, nei primissimi giorni della sua vita fuori dall’utero il neonato può succhiare solo pochi grammi di colostro (precursore del latte): per le poppate con il latte maturo deve per forza aspettare la montata lattea, che si verifica qualche giorno dopo la sua nascita.
In media, nei primi cinque giorni di vita il neonato perde il 7-10 per cento del peso alla nascita. Dopodiché, anche se l’aumento di peso è diverso da bambino a bambino, dalla seconda settimana di vita in avanti dovrebbe cominciare a crescere con regolarità. Può comunque capitare che non aumenti neanche di un grammo in una settimana: è ovvio
però che, se questo avviene, il recupero è d’obbligo nei sette giorni successivi.

Dalle due settimane ai tre mesi di vita
Dai 14 giorni di vita fino al termine dei tre mesi il bambino aumenta mediamente tra i 125 e i 240 grammi alla settimana. In genere, sono gli allattati al seno, nutriti “a richiesta”, ad avere un aumento di peso superiore alla media dei coetanei allattati a schema rigido o artificialmente.

Dai tre ai nove mesi di vita
Dai 90 giorni di vita circa in poi il bambino aumenta in media 130-150 grammi alla settimana. È comunque un dato da considerarsi solo indicativo, perché le variabili sono tante, tra le quali c’è anche la costituzione fisica e la predisposizione genetica. Generalmente anche in quest’epoca sono gli allattati al seno ad aumentare più dei coetanei.
Dai sei mesi in avanti influenza l’aumento di peso l’eventuale data di inizio dello svezzamento e l’atteggiamento del bambino verso la nuova dieta. Se gradisce la pappa e collabora, inghiottendola fin dall’inizio con entusiasmo, può andare incontro a un notevole e veloce incremento di peso. Altrimenti, se si ribella alle pappe, è facile che l’aumento ponderale rallenti.
Dai sette ai nove mesi di vita il bambino può cominciare ad aumentare di circa 400-500 grammi al mese, raggiungendo mediamente, intorno alla fine del nono mese, un peso tra gli otto e i nove chili. Anche questi dati hanno solo un valore indicativo. Va precisato che da questo momento in avanti l’aumento di peso comincia a essere condizionato, oltre che dalla quantità di cibo introdotta, anche dal movimento. È adesso, infatti, che il bambino può cominciare a gattonare e quindi a consumare molte più calorie di quante non ne bruciasse prima di iniziare a spostarsi autonomamente.

A 12 mesi di vita
Indicativamente, l’aumento di peso ideale al compimento dell’anno di vita è pari a circa tre volte il peso presentato alla nascita. In pratica, un bebé che alla nascita pesava tre chili, allo scadere dei 12 mesi dovrebbe aver raggiunto i nove chili circa. Ma attenzione: se però ne dovesse pesare otto oppure 10, tutto potrebbe, comunque, essere nella norma.
Se pesa troppo, nei mesi a venire il suo ritmo di crescita molto probabilmente rallenterà. Se, al contrario, il suo peso è lievemente sotto la media, è probabile che andrà incontro a un incremento più veloce.
La differenza di peso tra due coetanei di un anno di età può essere davvero notevole: ci sono bambini che arrivano a pesare 14 chili e altri che toccano a malapena gli otto senza che per questo vi sia un problema negli uni o negli altri.
È dopo i 12 mesi di vita che le grandi disparità di peso cominciano a ridimensionarsi, salvo ovviamente il caso in cui la dieta del piccolo sia sbilanciata per eccesso o per difetto. Posto questo, una certa differenza tra due coetanei si potrà sempre osservare anche dopo l’anno di vita, se i rispettivi genitori dei bambini messi a confronto hanno una costituzione fìsica e una statura completamente diverse.

Originally posted 2014-10-06 09:49:47.

peso - Il peso Il peso

Il peso del bambino è un indice di benessere, è il dato che più di ogni altro nei primi mesi di vita aiuta a capire se la crescita sta avvenendo in modo armonioso e soddisfacente. In generale, quello che conta di più non è “quanto” il piccolo cresce, ma la regolarità con cui avviene l’aumento di peso: un segnale davvero preoccupante è, infatti, non che l’incremento sia

Learn more


GIRELLO - GIRELLO GIRELLO

Il girello è un seggiolino montato su ruote: il bambino che ancora non cammina può spostarsi velocemente e senza sforzo evitando le cadute. Lo si può usare tra i 6 e i 15 mesi, comunque mai oltre i diciotto. In ogni caso, va utilizzato con moderazione e solo saltuariamente. Pur essendo molto divertente e occasionalmente utile per tenere il bambino sotto controllo, presenta una serie di

Learn more


Conoscere il bambino2 - Conoscere il bambino Conoscere il bambino

Tra i 6 e gli 8 mesi si verificano cambiamenti radicali nella personalità e nel comportamento del bambino. Se fino a questo momento percepiva la mamma come una parte del suo corpo e sembrava non accorgersi delle sue brevi assenze, ora comincia a rendersi conto che i genitori sono individui distinti da lui. Questa consapevolezza, che segna un grande passo nello sviluppo intellettivo e affettivo, comporta due aspetti

Learn more


RIMPROVERI E LODI - RIMPROVERI E LODI RIMPROVERI E LODI

Come principio generale, ma in particolare nei primi anni di vita, più che sgridare e punire si tratta di dare regole e limiti: sono rimproveri dolci quanto fermi, che il bambino potrà capire soltanto se gli saranno ripetuti spesso e pazientemente. Non avendo ancora chiaro il rapporto causa-effetto, non può sviluppare la consapevolezza di commettere degli errori e tende quindi a ripeterli spesso e facilmente. Poiché per

Learn more


PAURE - PAURE PAURE

Quando ci troviamo senza punti di riferimento basati su esperienze precedenti che possano tranquillizzarci, abbiamo la sensazione di perdere il controllo della situazione e abbiamo paura. È un meccanismo positivo e necessario che ci protegge dai pericoli e ci aiuta a reagire alle situazioni più disparate: scansare un’automobile che arriva a tutta velocità, prepararsi per un compito importante, prevedere i rischi e gli imprevisti che si

Learn more


DENTINI - DENTINI DENTINI

I denti non servono soltanto a masticare il cibo.ma sono di fondamentale importanza nel dare espressione al viso e, per quanto possa apparire strano, a garantire il corretto allineamento della colonna vertebrale. I primi abbozzi di ciò che saranno i denti compaiono intorno alla sesta settimana di gravidanza. È in questo periodo che si forma la lamina dentale che sarà poi la futura arcata. Pian piano

Learn more


La dieta dallo svezzamento allanno detà - La dieta dallo svezzamento all'anno d'età La dieta dallo svezzamento all’anno d’età

Durante Io svezzamento, che e consigliabile iniziare intorno ai sei mesi di vita e che si conclude intorno ai 10-12 mesi, il bambino impara a conoscere la maggior parte degli alimenti. Non esiste un unico e rigido schema dietetico: gli alimenti possono essere introdotti in successione differente e con frequenza diversa in base alle consuetudini alimentari della famiglia (o del Paese) e ai gusti del bambino.

Learn more


LINGUAGGIO1 - LINGUAGGIO LINGUAGGIO

È grazie all’intensità dell’entusiasmo con cui accogliamo i suoi primi tentativi di colloquio che il bambino viene incoraggiato a esprimersi parlando. Se appare silenzioso, possiamo stimolarlo prendendolo in braccio e avvicinando il suo volto al nostro: catturiamo il suo sguardo e pronunciamo le parole sillabandole a voce lenta, alta e chiara. Non stanchiamoci di ripeterle variando il ritmo, esagerando la mimica e alternando toni drammatici ad

Learn more


GIOCO E GIOCATTOLI1 - GIOCO E GIOCATTOLI GIOCO E GIOCATTOLI

Per la maggior parte degli adulti il gioco è un’occupazione frivola, leggera, futile, vana e fanciullesca.Tempo perduto, sprecato. Invece, se osserviamo attentamente un bambino che gioca, ci accorgiamo che si tratta di un’attività serissima, indispensabile non solo per la crescita emotiva, ma anche intellettiva, il mezzo privilegiato attraverso cui comprendere la realtà. Per questo durante il gioco il bambino non va continuamente caricato di avvertimenti, consigli

Learn more


vista - La vista La vista

Da zero a tre mesi iti vita La retina, che è la struttura dell’occhio che assorbe le immagini e le trasmette al cervello, a cui spetta il compito di interpretarle, è già pronta a svolgere la sua funzione a partire da subito dopo la nascita. Il cervello non e invece ancora in grado di decodificare le immagini, per cui il bambino “guarda”, ma in realtà non “vede”, almeno

Learn more