Bambino da 6 a 12 mesi




A 6-7 mesi il bambino porta tutto alla bocca: è il suo modo per scoprire e riconoscere gli oggetti. Il passaggio dal succhiare al mordere rivela un nuovo modo di affrontare la realtà: se succhiare significava assimilare e accettare passivamente, mordere è l’espressione di un atteggiamento attivo nei confronti del mondo.
In queste sue prime esplorazioni l’aggressività, spesso espressa con i morsi, è un meccanismo indispensabile che gli permette di affermarsi in una situazione in cui, non sapendo parlare, non ha altri mezzi per dimostrare il suo disappunto e i suoi desideri.
A 10 mesi le manifestazioni di aggressività iniziano a prendere sempre più l’aspetto di una protesta. Il bambino attraversa una fase in cui vorrebbe fare moltissime cose, ma non sempre ci riesce. In molti casi i suoi tentativi non danno risultati, come quando cerca di raggiungere un oggetto e non ci arriva o vuole bere dal bicchiere e rovescia l’acqua, e per di più spesso siamo noi a impedirgli i movimenti, allontanandolo da situazioni pericolose. Non sapendo protestare in altro modo, per dimostrare la sua rabbia usa i denti o le mani.

Come rispondere

Quando il bambino picchia, graffia o tenta di mordere cerchiamo di non ridere o di stare al gioco: se vede che suscita il nostro interesse, ripeterà il gesto per avere attenzione. Da parte nostra, evitiamo di mordicchiarlo quando gli facciamo le coccole: non è ancora in grado di capire la differenza tra morsi affettuosi e morsi aggressivi. Nella fase in cui esplora tutto con la bocca proponiamogli dei giocattoli che possono essere morsi, come anelli o forme di plastica dura.
Se morde durante la poppata, è sufficiente allontanarlo immediatamente dal seno per fargli capire che non deve più mordere il capezzolo. Se tuttavia continua a farlo, possiamo dirgli con fermezza:”Non così, mi fai male”. Per prevenire la tendenza a mordere, quando si addormenta non teniamolo attaccato al seno.
Di fronte a graffi e morsi, è essenziale tenere presenti tre principi: far capire al bambino che non è lui che rifiutiamo, ma il suo comportamento; non permettergli di ottenere ciò che vuole con l’aggressività; evitare di reprimerlo con colpetti sulla bocca o sulle mani, oppure con insulti e castighi.

Picchiare un bambino per insegnargli a non picchiare è controproducente oltre che contraddittorio, perché rafforza in lui l’idea che vince il più forte. Piuttosto impediamogli, anche fisicamente, di continuare. Con fermezza e affetto facciamogli capire che comprendiamo le sue esigenze e i suoi sentimenti e che questi sono del tutto legittimi. Poiché la sua capacità di comprensione inizia molto prima che inizi a esprimersi con le parole, possiamo dirgli:”Sei arrabbiato, vero? “,”Lo so, vorresti tenere in mano la brocca”,”Non hai voglia di uscire dall’acqua?”
Anche solo dal tono della nostra voce, capirà che gli siamo vicini e che lo comprendiamo, sarà allora più facile insegnargli a relazionarsi con gli altri in modo corretto. Sentendosi rispettato,capirà che non siamo contro di lui,ma con lui e sarà più disponibile ad accettare i limiti che gli poniamo.

Originally posted 2014-09-30 13:45:54.

AGGRESSIVITÀ - AGGRESSIVITÀ AGGRESSIVITÀ

A 6-7 mesi il bambino porta tutto alla bocca: è il suo modo per scoprire e riconoscere gli oggetti. Il passaggio dal succhiare al mordere rivela un nuovo modo di affrontare la realtà: se succhiare significava assimilare e accettare passivamente, mordere è l’espressione di un atteggiamento attivo nei confronti del mondo. In queste sue prime esplorazioni l’aggressività, spesso espressa con i morsi, è un meccanismo indispensabile che

Learn more


La statura - La statura La statura

La crescita di statura del bambino, soprattutto nel primo anno di vita, non rappresenta di per sé un dato molto significativo. Per i pediatri, non è infatti particolarmente importante che il bimbo si allunghi un numero di centimetri ben definito nell’arco di un tempo determinato, quanto piuttosto che l’incremento sia regolare, non subisca arresti e sia proporzionato all’aumento di peso. Sono questi i dati che servono a

Learn more


prima papa - Come si prepara la prima pappa Come si prepara la prima pappa

La prima pappa dovrebbe essere costituita da 180 grammi circa di brodo vegetale, tre cucchiai di crema di riso o di mais e tapioca, un cucchiaino di olio d’oliva e un cucchiaino di parmigiano. Il brodo vegetale si prepara facendo bollire a fuoco lento in un litro d’acqua una-due patate, una-due carote, una-due zucchine (progressivamente vanno poi inserite altre verdure di stagione). Il brodo deve bollire fino

Learn more


Lalimentazione1 - L'alimentazione L’alimentazione

La continuazione dello svezzamento Per tutto il periodo dello svezzamento è importante tenere sempre fermo il principio della gradualità,che impone di inserire nella dieta del bambino i nuovi alimenti, indicati di seguito, uno alla volta. Dopo aver somministrato il nuovo alimento, si consiglia di aspettare qualche giorno per verificare che non vi siano reazioni allergiche. Burro Il burro crudo, ricco di vitamina D e di caroteni, da

Learn more


BAGNETTO - BAGNETTO BAGNETTO

A partire dall’ottavonono mese, quando il bambino è in grado di stare sedutoci consiglia di trasferire la vaschetta dentro la vasca da bagno. In tal modo potrà abituarsi gradualmente alla vasca grande, che lo accoglierà dopo il primo anno, munita di un tappetino antiscivolo sul fondo o di un seggiolino da bagno. A questa età può succedere che il bambino si mostri spaventato quando deve lavare i capelli,

Learn more


SONNO2 - Sonno Sonno

Dopo i 6 mesi ci sono buone probabilità che il bambino passi un’intera notte senza svegliarsi. In molti casi dorme dodici ore per notte, occasionalmente interrotte da brevi risvegli, e fa un sonnellino di un’ora o più, a metà mattinata e a metà pomeriggio. A un anno, in complesso, le ore di sonno sono circa quattordici. Di solito si mantiene il sonnellino del pomeriggio e, in molti

Learn more


PRIMI PASSI - PRIMI PASSI PRIMI PASSI

Camminare è un atto naturale, dovuto a una spinta biologica fortissima che non può essere annullata nemmeno da fattori esterni particolarmente sfavorevoli. Lo sviluppo motorio procede infatti da solo grazie agli stimoli dell’ambiente, senza particolari sollecitazioni. Camminare presto o tardi non suggerisce quindi alcun tipo di previsioni né sulla capacità di apprendimento del bambino né sul suo futuro rendimento scolastico.A differenza del linguaggio, è un traguardo

Learn more


crescita1 - La crescita La crescita

Il peso Dal settimo al nono mese II bambino aumenta di circa 400 grammi al mese. In questo periodo è sufficiente pesarlo ogni 2 mesi. Dal decimo al dodicesimo mese Aumenta di circa 300 g al mese. Va pesato solo durante le visite di controllo. Nel primo anno di vita, in totale II bambino pesa 9-10 chili, circa tre volte di più rispetto al momento della

Learn more


peso - Il peso Il peso

Il peso del bambino è un indice di benessere, è il dato che più di ogni altro nei primi mesi di vita aiuta a capire se la crescita sta avvenendo in modo armonioso e soddisfacente. In generale, quello che conta di più non è “quanto” il piccolo cresce, ma la regolarità con cui avviene l’aumento di peso: un segnale davvero preoccupante è, infatti, non che l’incremento sia

Learn more


GIRELLO - GIRELLO GIRELLO

Il girello è un seggiolino montato su ruote: il bambino che ancora non cammina può spostarsi velocemente e senza sforzo evitando le cadute. Lo si può usare tra i 6 e i 15 mesi, comunque mai oltre i diciotto. In ogni caso, va utilizzato con moderazione e solo saltuariamente. Pur essendo molto divertente e occasionalmente utile per tenere il bambino sotto controllo, presenta una serie di

Learn more