Cure alternative




La celiachia, o morbo celiaco, è una anomalia che si riferisce a un’intolleranza permanente al glutine, una proteina contenuta in frumento, orzo, segale e avena.
Tende a essere ereditaria: tra i parenti di primo grado si ripresenta mediamente nel 7% dei casi. Non è però da considerarsi una vera e propria malattia, perché se un celiaco non consuma alcun prodotto contenente glutine non soffre di alcun disturbo.

I sintomi

■ In genere la celiachia si manifesta dopo lo svezzamento, nel secondo semestre di vita, quando nell’alimentazione vengono introdotti biscotti, pane e altri cereali contenenti glutine. Il bambino manca di appetito, non cresce, è pallido, soffre di diarrea, a volte vomita, è irritabile o apatico.
■ Nella primissima infanzia i sintomi della celiachia sono talmente evidenti da condurre immediatamente al ricorso del medico. Per fare una diagnosi esatta è necessario però fare la biopsia dell’intestino.
■ La malattia può anche rivelarsi più avanti, in età adulta. In questo caso i sintomi possono limitarsi a stanchezza, dimagrimento, dolori alla pancia, gonfiore alle gambe e a volte vomito e diarrea.
■ Una volta che il bambino ha iniziato una dieta senza glutine, i sintomi migliorano immediatamente.

Le cause

Se il glutine può essere consumato dalla maggior parte delle persone senza problemi, in coloro che soffrono di celiachia può provocare gravi alterazioni nella mucosa intestinale. Con il passare del tempo i villi, le piccole sporgenze filiformi che assicurano l’assimilazione del cibo, si appiattiscono provocando una notevole diminuzione della capacità di assorbimento delle sostanze nutritive.
Le ragioni per cui succede non sono chiare.Alcuni sostengono che lo svezzamento precoce, prima del quarto mese, favorirebbe la celiachia, altri che il disturbo possa essere
collegato all’allergia al latte.

Come si affronta

■ Vanno esclusi tutti i cibi che contengono farina, come semolino, fiocchi o altri prodotti di frumento, orzo, avena e segale. Queste sostanze si trovano anche in molti cibi preconfezionati, come minestre, salse, carne e pesce impanati. È fondamentale quindi leggere attentamente le etichette: non devono comparire le parole:glutine, farina, amido di frumento, crusca, germe di grano, semolino, cereali aggiunti, proteine idrolizzate.
Secondo l’Associazione Italiana Celiachia, si possono consumare grano saraceno, tapioca, quinoa e amaranto in grani e in farina.
■ A volte è necessario eliminare per un periodo anche il latte vaccino. Bisogna essere molto rigorosi con la dieta. Nei bambini celiaci sono sufficienti tracce di glutine per provocare un danno alla mucosa intestinale, anche se non si manifestano sintomi.
Per uso esterno sono consentiti l’olio di germe di grano e gli shampoo contenenti glutine.

Originally posted 2014-10-02 10:43:36.

CELIACHIA - CELIACHIA CELIACHIA

La celiachia, o morbo celiaco, è una anomalia che si riferisce a un’intolleranza permanente al glutine, una proteina contenuta in frumento, orzo, segale e avena. Tende a essere ereditaria: tra i parenti di primo grado si ripresenta mediamente nel 7% dei casi. Non è però da considerarsi una vera e propria malattia, perché se un celiaco non consuma alcun prodotto contenente glutine non soffre di alcun disturbo. I

Learn more


CROSTA LATTEA - CROSTA LATTEA CROSTA LATTEA

La crosta lattea è molto comune nei lattanti. Si ritiene sia dovuta a un’eccessiva produzione di sebo, una sostanza untuosa che viene prodotta dalla pelle. Più che una malattia, si tratta di un’alterazione dovuta al fatto che nei primi mesi di vita i meccanismi che regolano l’equilibrio fisiologico della pelle e il ricambio cellulare non sono ancora perfettamente messi a punto. I sintomi La crosta lattea compare

Learn more


VOMITO - VOMITO VOMITO

Il vomito è regolato da un centro situato all’interno del cervello, chiamato centro del vomito: viene stimolato dai messaggi che riceve dalle cellule nervose dell’intestino, ma può essere eccitato anche dal movimento, da odori o sapori sgradevoli oppure dalle cellule nervose dell’orecchio e dell’occhio; più raramente, come nel caso della meningite, è provocato da una pressione diretta di tipo meccanico. Una volta attivato, il centro del vomito invia messaggi

Learn more


STITICHEZZA - STITICHEZZA STITICHEZZA

Essere stilici non significa evacuare poco frequentemente, quanto piuttosto farlo con sforzo a causa dell’eccessiva compattezza delle feci. Un lattante può scaricarsi diverse volte al giorno o anche 1 volta ogni 2-3 giorni: se le scariche hanno la giusta consistenza, non vi sono problemi. Per decidere se il numero di evacuazioni sia sufficiente, è importante quindi valutare il livello di benessere generale del bambino senza cercare di conformarsi a

Learn more


PARASSITI INTESTINALI - PARASSITI INTESTINALI PARASSITI INTESTINALI

Iparassiti che più comunemente colpiscono i bambini sono gli ossiuri, Enterobius vermicularis. L’infestazione è rara prima dei 3 anni e massima a partire dai 5. Si ritiene che ne sia colpito il 40-70% dei bambini, ma spesso è presente senza che ce ne si renda conto: i sintomi che provoca sono a volte talmente lievi da passare inosservati anche per anni. Non sempre però la loro presenza

Learn more


VACCINAZIONI - VACCINAZIONI VACCINAZIONI

La vaccinazione è la somministrazione di sostanze che provocano nell’organismo di un bambino sano la produzione di anticorpi allo scopo di evitare alcuni tipi di malattia qualora fosse esposto al contagio. Le sostanze somministrate possono essere germi uccisi o attenuati oppure antigeni ottenuti con tecniche di ingegneria genetica. Quando sono introdotte nell’organismo, stimolano il sistema immunitario, provocano cioè la formazione nel sangue di particolari proteine chiamate anticorpi, capaci di neutralizzare

Learn more


STENOSI DEL DOTTO LACRIMALE - STENOSI DEL DOTTO LACRIMALE STENOSI DEL DOTTO LACRIMALE

Il dotto lacrimale è il canaletto visibile come un puntino all’angolo interno dell’occhio, nella palpebra inferiore, attraverso il quale le lacrime passano dall’occhio al naso. Se si ottura a causa di minuscoli frammenti di pelle, te lacrime passano attraverso il naso come succede normalmente, ma non defluiscono attrat>erso gli occhi. La stenosi del dotto lacrimale può essere presente fin dalla nascita o apparire nei primi 2 mesi

Learn more


BRONCHITE - BRONCHITE BRONCHITE

La bronchite è un’infiammazione dei bronchi, i grandi canali che portano. Varia ai polmoni. Alcune forme durano una-due settimane, altre persistono per mesi. I bambini piccoli sono particolarmente esposti perché tonsille e adenoidi sono ancora troppo minute per impedire il passaggio di virus e batteri. Anche i loro bronchi hanno dimensioni più piccole rispetto agli adulti: si riempiono quindi di muco con maggiore facilità, creando un ambiente che

Learn more


POLMONITE - POLMONITE POLMONITE

La polmonite è un’infiammazione che penetra in profondità nei polmoni: intere parti di tessuto vengono invasi di catarro,che tende a solidificarsi impedendo il passaggio dell’aria. Può essere provocata da virus, batteri o dal Mycoplasma pneumoniae, un microrganismo piuttosto anomalo perché ha caratteristiche comuni sia con i batteri sia con i virus. In questo caso si parla di polmonite atipica. In molti casi la malattia appare come complicazione di

Learn more


FIMOSI - FIMOSI FIMOSI

Quando il prepuzio, la porzione di pelle che ricopre il glande del pene, è troppo stretto e non riesce a essere ritratto, si parla di fimosi. In genere fino al terzo anno di vita la fimosi è fisiologica, un fenomeno cioè che rientra nella norma e che non suscita preoccupazione: alla nascita si verifica nel 96% dei bambini, a 3 mesi la percentuale scende all’85% per arrivare al

Learn more