Disturbi più comuni




La bronchiolite è l’infezione dei bronchiali, le sottilissime vie aeree che collegano i bronchi ai polmoni con il compito di fare arrivare l’ossigeno nelle zone più interne. È una malattia molto comune che colpisce i bambini sotto l’anno di vita, e che in genere si risolve nel giro di qualche giorno. Diventa invece più grave nei neonati, nei prematuri e in coloro che soffrono di malattie immunologiche del sistema nervoso, dell’apparato cardiovascolare o polmonare.

I sintomi

II bambino ha una tosse secca, appare abbattuto e senza appetito. Spesso gli cola il naso e respira a fatica. La febbre non sempre è presente e comunque non supera i 38 °C. Dopo tre giorni dalla comparsa dei sintomi il bambino può cominciare a star meglio e guarire nel giro di una settimana o poco più, o peggiorare. In tal caso il respiro diventa affannoso, a volte con sibilo.

Le cause

I lattanti, che non hanno ancora sviluppato compiutamente il loro sistema immunitario, sono particolarmente soggetti alla bronchiolite. Si calcola che a 2 anni quasi tutti i bambini ne sono stati colpiti,in particolare se frequentano l’asilo nido.
Molti casi di bronchiolite sono dovuti al virus respiratorio sinciziale (VRS), responsabile di gran parte delle infezioni alle vie respiratorie dei lattanti. Il virus si diffonde, in particolare, nei mesi invernali e nella prima parte della primavera.

Come si affronta

La bronchiolite richiede sempre l’intervento del pediatra. Se il bambino ha meno di un anno.il medico può decidere per un breve ricovero in ospedale come misura precauzionale, per affrontare in modo adeguato un’eventuale crisi respiratoria o un problema di disidratazione.

Con l’alimentazione

Si può offrire il seno o il biberon al bambino, senza mai forzarlo a mangiare.Anche se ha già iniziato lo svezzamento, è molto importante rispettare la sua inappetenza, incoraggiandolo però a bere molto. La respirazione affannosa, in particolare quando è unita alla febbre, provoca infatti una forte dispersione di liquidi. Le bevande aiutano inoltre a fluiedificare le secrezioni che si formano nei bronchioli,che saranno poi più facili da eliminare con la tosse. Gli si può offrire acqua, tisane, tè leggero, succhi di verdura e, se già lo mangia, brodo di pollo. Le ricerche hanno dimostrato che questo vecchio rimedio, usato dalla tradizione popolare per le malattie delle vie respiratorie, contiene sostanze che fluidificano il muco e ne facilitano l’eliminazione. Secondo alcuni naturopati i succhi di frutta sono invece da limitare perché lo zucchero in essi contenuto riduce la capacità
dei globuli bianchi di reagire alla malattia. Lo zucchero va comunque eliminato.

Con i fiori di Bach

I fiori di Bach aiutano ad alleviare l’ansia che può cogliere il bambino quando respira con difficoltà.
■ Se è molto piccolo o non riesce a capire quello che gli succede: Aspen, 4 gocce in un bicchiere d’acqua 4 volte al giorno.
■ Se riesce a identificare le sue paure: Mimulus, 4 gocce in un bicchiere d’acqua 4 volte al giorno.

Con la medicina convenzionale

Essendo una malattia di origine virale, l’uso di antibiotici non è richiesto,a meno che si sviluppi anche un’infezione batterica. In alcuni casi il pediatra può prescrivere dei broncodilatatori per liberare le vie aeree, bloccare il respiro sibilante e facilitare la respirazione.

Quando rivolgersi al medico
Chiamate immediatamente il pediatra se:

■ Il bambino presenta i sintomi della bronchiolite.

Originally posted 2014-10-02 10:27:55.

BRONCHIOLITE - BRONCHIOLITE BRONCHIOLITE

La bronchiolite è l’infezione dei bronchiali, le sottilissime vie aeree che collegano i bronchi ai polmoni con il compito di fare arrivare l’ossigeno nelle zone più interne. È una malattia molto comune che colpisce i bambini sotto l’anno di vita, e che in genere si risolve nel giro di qualche giorno. Diventa invece più grave nei neonati, nei prematuri e in coloro che soffrono di malattie immunologiche del sistema

Learn more


ITTERO DEL NEONATO - ITTERO DEL NEONATO ITTERO DEL NEONATO

L’Ittero non è una malattia ma un sintomo molto comune nei neonati, caratterizzato da una colorazione giallastra della pelle e delle sclere, le parti bianche degli occhi. È dovuto a un eccesso nel sangue di bilirubina, la sostanza color arancio che si forma quando i globuli rossi, ormai vecchi, vengono distrutti e che il fegato del bambino non è ancora in grado di smaltire. A volte le feci sono biancastre

Learn more


ORTICARIA - ORTICARIA ORTICARIA

Mentre la diagnosi dell’orticaria è estremamente semplice, capirne le cause non è facile, in particolare quando non si tratta di un episodio passeggero. I sintomi Sulla pelle appaiono ponfi, macchie rosse di dimensione e forma variabili, spesso accompagnate da prurito. L’infiammazione colpisce in prevalenza le bracciale gambe e il foracela può comparire in qualsiasi parte del corpo: viso,genitali,occhi, labbra e perfino le mucose interne come la

Learn more


AFTE - AFTE AFTE

Le afte sono piccole ulcere singole o in gruppo all’interno della bocca o sotto la lingua. Pur essendo dolorose, non segnalano l’inizio di una malattia infiammatoria cronica e non hanno conseguenze sulla crescita.A differenza dell’herpes, non sono contagiose. Quando sono numerose e interessano diverse zone della bocca può essere diffìcile masticare e deglutire. In tal caso si parla di stomatite aftosa. Possono essere ricorrenti e formarsi

Learn more


ERITEMA SOLARE - ERITEMA SOLARE ERITEMA SOLARE

Provocato da un’eccessiva esposizione al sole, l’eritema solare è un’ustione di primo grado. Sono particolarmente esposti al rischio di eritema solare i bambini con la pelle chiara e sensibile, i capelli chiari (biondi o rossi), gli occhi chiari e le lentiggini. I sintomi Sulla zona colpita, che appare calda al tatto, compaiono inizialmente dei puntini rossi. Dopo 24 ore i sintomi aumentano di intensità: la

Learn more


DISTURBI DA CALORE E SOLE - DISTURBI DA CALORE E SOLE DISTURBI DA CALORE E SOLE

L’esposizione ad alte temperature può provocare disturbi che possono essere anche molto gravi. Ne sono particolarmente esposti i bambini piccoli, che sudano relativamente poco e disperdono poco calore. Si tratta di colpo di calore, colpo di sole, esaurimento da calore e crampi da calore. La prevenzione In automobile ■ Cercate di non viaggiare durante le ore più calde. ■ Quando fa caldo tenete sempre i finestrini semiaperti.

Learn more


FECI INSOLITE - FECI INSOLITE FECI INSOLITE

Le feci devono essere morbide e ben formate, di colore bruno e pressoché inodori. Nei neonati possono avere un colore scuro, verdastro, e una consistenza semi-solida. La regolarità con cui vengono prodotte, il loro aspetto e il loro colore forniscono preziose informazioni sullo stato di salute del bambino. I sintomi e le cause Feci nere Nella grande maggioranza dei casi sono causate da sangue

Learn more


MAL DI TESTA - MAL DI TESTA MAL DI TESTA

Il mal di testa non è una malattia, ma un sintomo che indica un disequilibrio a livello fisico o emotivo. Ne esistono diverse forme, classificate a seconda del tipo, della localizzazione, dell’intensità del dolore, della frequenza delle crisi, della loro durata, del momento della giornata in cui si manifestano, dei sintomi che l’accompagnano, dei segni che lo preannunciano o delle cause che lo scatenano. I sintomi Fino ai 5-6

Learn more


ALITO PESANTE - ALITO PESANTE ALITO PESANTE

L’alito pesante, o olitosi, è particolarmente frequente al risveglio. Durante la notte infatti i microrganismi responsabili del cattivo odore agiscono più a lungo e si produce meno saliva. In molti casi l’alito ritorna normale dopo che il bambino fa colazione, beve un bicchiere di acqua o si lava i denti. Le cause più frequenti Alimentazione ricca digrassi Per assimilarli il bambino brucia gli zuccheri,creando acetone. Alimentazione ricca di

Learn more


MANIFESTAZIONI ALLERGICHE - MANIFESTAZIONI ALLERGICHE MANIFESTAZIONI ALLERGICHE

L’allergia è una reazione chiamata atopica, cioè fuori luogo, perché si scatena a causa di sostanze che per la maggioranza delle persone sono assolutamente innocue: il polline dei fiori, alcuni cibi, la forfora, il pelo e anche la saliva degli animali. Nei loro confronti l’organismo si comporta come se si trovasse di fronte a un nemico. Si hanno cioè quelle che gli esperti chiamano reazioni di ipersensibilità. Oggi

Learn more