ERITEMA DA PANNOLINO

Creato da admin
ERITEMA DA PANNOLINO - ERITEMA DA PANNOLINO

Fino ai &8 mesi la pelle del bambino è molto sottile ed è ancora pressoché priva della pellicola invisibile di acqua e grasso, detta film idrolipidico, che protegge dalle aggressioni degli agenti esterni.
Il ristagno di feci e pipì, ma anche l’umidità che inevitabilmente si crea nella zona del pannolino, favoriscono la macerazione della pelle e la proliferazione di germi. Non è raro che un eritema non curato si accompagni a una dermatite dovuta a batteri o funghi, ma può anche succedere il contrario: l’infezione precede l’irritazione, che si sviluppa in seguito. Inoltre, tutte le situazioni che possono provocare un’alterazione della consistenza delle feci, come la dentizione o un’infezione intestinale, predispongono il bambino alla dermatite. Con le cure opportune l’infiammazione scompare in pochi giorni

I sintomi

■ L’irritazione,chiamata anche dermatite da pannolino.si manifesta con macchie più o meno estese formate da piccolissimi puntini rossi, ma nei casi più gravi la pelle si ulcera e si infetta.
■ Mentre l’eritema provoca solo arrossamento, l’infezione è dovuta a un fungo, la Candida albicans, e si riconosce perché causa inizialmente piccole screpolature nelle pieghe della pelle e ha un aspetto lucido. Trattata con prodotti specifici, guarisce in una settimana.

Come si affronta
Con le misure igieniche

La dermatite da pannolino non richiede cure particolari: è sufficiente lavare con cura la zona con acqua borica, che ha un potere disinfettante e refrigerante, oppure con acqua in cui sia stato disciolto un cucchiaino di sapone liquido.
■ Dopo ogni lavaggio asciugate la zona con cura tamponando la pelle con un asciugamano morbido e applicate un leggero strato di crema all’ossido di zinco,che forma una barriera protettiva. Quantità troppo abbondanti di crema favoriscono la macerazione della pelle; inoltre, sotto uno strato spesso di crema si possono insediare batteri in grado di
provocare un’infezione.
■ Il pannolino va cambiato ogni 3-4 ore, possibilmente anche durante la notte, lavando la zona. I pannolini di stoffa tendono a peggiorare la situazione, perché il tessuto si impregna immediatamente di pipì e si appiccica alla pelle,creando l’habitat ideale per la proliferazione dei germi.
■ Durante il giorno, tra un cambio e l’altro, si consiglia di lasciare per qualche tempo il
bambino senza pannolino, in modo da permettere alla pelle di respirare in modo naturale. Non va invece esposto al sole.
■ Fino a quando il problema non si risolve, durante il bagnetto il bambino non va tenuto a lungo nell’acqua, ma solo per pochi minuti. Potete mettere nell’acqua del bagno un podi olio di vaselina, che ha una funzione emolliente.
■ In caso di eritema diffuso, fate ogni giorno il bagnetto al bambino, aggiungendo all’acqua un cucchiaio di sapone liquido. Quindi sciacquatelo con acqua in cui sia stato sciolto del permanganato di potassio nella misura di mezzo grammo per ogni dieci litri. Alligatelo con cura, utilizzando, se necessario, un asciugacapelli tenuto a distanza.

Con la medicina omeopatica

Nel caso in cui ci si trovi di fronte a un arrossamento diffuso e non si riesca a contattare il medico, si consigliano i seguenti rimedi da adottare nelle prime 48 ore, in attesa di indicazioni. I granuli si sciolgono in poca acqua in un bicchiere o in un cucchiaino di plastica (non di metallo), e si somministrano lontano dai pasti.

DA RICORDARE

Eventuali interventi vanno sempre attuati dopo essersi consultati con il pediatra. Basta infatti un semplice errore di valutazione per provocare complicazioni.

Questi prodotti non vanno usati:
• Pomate a base di cortisone: possono peggiorare il problema.
• Creme idratanti: non hanno alcuna efficacia nella cura delle dermatiti in quanto non proteggono la pelle.

■ Talco: ha un’azione irritante e può aggravare la macerazione della pelle.
■ Impacchi di acqua e bicarbonato: sono del tutto inefficaci e quindi inutili.

Quando rivolgersi al medico
Chiamate il pediatra se:

■ L’arrossamento è molto esteso.
■ Sulle pieghe della pelle si formano macchie più o meno ampie: può trattarsi di una dermatite da fungo.

Originally posted 2014-10-02 11:31:09.

Comments

comments