Guida del Bambino




Sostanze chimiche, farmaci, vaccini, alcuni alimenti o additivi, veleni di insetti possono provocare nelle persone predisposte uno shock anafilattico (da ana, contro, e filattico, reazione), cioè un’allergia grave e violenta che può manifestarsi in modo estremamente rapido e grave mettendo a repentaglio la vita.
In genere lo shock anafilattico insorge a partire dal secondo contatto con la sostanza che provoca allergia, anche se le quantità sono minime.

I sintomi

La reazione insorge dopo poco tempo (da pochi secondi a 30 minuti) dal momento del contatto con l’allergene. I seguenti sintomi,anche se lievi,non devono mai essere sottovalutati, in quanto la situazione può precipitare in breve tempo.
■ Prurito,pizzicore,senso di gonfiore alla lingua e alla gola (il bambino fa fatica a deglutire).
■ Pomfi pruriginosi che si spargono rapidamente su tutto il corpo.
■ Starnuti improvvisi e violenti,forte prurito agli occhi,abbondanti secrezioni nasali liquide.
■ Cuore che batte forte.
■ Senso di svenimento.
■ Difficoltà a respirare,senso di soffocamento.

Come si affronta

■ Vi sono i sintomi, pur lievi, di uno shock anafilattico, anche se non ne siete certi.

Nel frattempo:
■ Se avete in casa un farmaco antistaminico da dare per bocca,datene una dose al bambino.
■ Se in casa avete il kit di Pronto soccorso perle allergie,somministrate immediatamente al bambino i medicinali indicati.
■ Se lo shock anafilattico è dovuto a una puntura di ape, vespa o calabrone, cercate di rimuovere il pungiglione. Grattatelo via con un coltellino o un cartoncino plastificato, oppure estraetelo con una pinzetta, stando attenti a non pizzicare la pelle intorno nel tentativo di farli schizzare fuori: favorireste l’entrata in circolo del veleno.Applicate un cubetto di ghiaccio sulla zona della puntura.
In attesa dei soccorsi, fate distendere il bambino a terra, con le gambe sollevate rispetto al resto del corpo, in modo da accrescere l’afflusso del sangue al cuore e al cervello.
■ Se il respiro e i battiti del cuore si fermano e se sapete applicare correttamente le tecniche di rianimazione, eseguitele.

La prevenzione

Se il bambino ha già avuto una reazione allergica grave è necessario prendere i seguenti provvedimenti:
■ Fatelo visitare da un allergologo.
■ Seguendo le istruzioni del pediatra, insegnate a tutti coloro che gli sono vicini (famigliari, maestre, baby-sitter) a riconoscere i primi sintomi della reazione allergica e a comportarsi di conseguenza.
■ Fategli portare sempre con sé una targhetta o un braccialetto su cui siano riportati il suo nome,il nome dei genitori con l’indirizzo e il numero di telefono,il nome e il numero di telefono del suo medico, il tipo di allergia di cui soffre.
■ Portate sempre con voi i farmaci utili per dominare la crisi: in particolare il kit di pronto intervento in caso di grave reazione allergica.

Originally posted 2014-10-03 14:37:57.

SHOCK ANAFILATTICO - SHOCK ANAFILATTICO SHOCK ANAFILATTICO

Sostanze chimiche, farmaci, vaccini, alcuni alimenti o additivi, veleni di insetti possono provocare nelle persone predisposte uno shock anafilattico (da ana, contro, e filattico, reazione), cioè un’allergia grave e violenta che può manifestarsi in modo estremamente rapido e grave mettendo a repentaglio la vita. In genere lo shock anafilattico insorge a partire dal secondo contatto con la sostanza che provoca allergia, anche se le quantità sono minime. I

Learn more


SANGUE DAL NASO - SANGUE DAL NASO SANGUE DAL NASO

Il bambino può perdere sangue dal naso a causa della fragilità dei vasi capillari messi sotto sforzo quando soffia il naso troppo violentemente. Se sanguina a seguito di un colpo in testa, recatevi immediatamente al Pronto soccorso, senza tentare di fermare la perdita di sangue. Come si affronta ■ Fate chinare il bambino in avanti su una bacinella serrandogli le narici per 10 minuti. Ditegli di non inghiottire

Learn more


bambino casa incidenti - CORPI ESTRANEI NELL'OCCHIO CORPI ESTRANEI NELL’OCCHIO

Spesso i corpi estranei che entrano nell’occhio sono granelli di polvere o moscerini, oppure schegge di metallo, di vetro o di legno. Gli schizzi di sostanze corrosive sono particolarmente pericolosi perché possono causare lesioni permanenti all’occhio. I sintomi II bambino prova dolore, l’occhio è arrossato e lacrima. Con il passare del tempo i sintomi possono attenuarsi. A volte, una scheggia conficcata nell’occhio non provoca alcun dolore, ma

Learn more


BRONCIO - BRONCIO BRONCIO

I pugnetti sotto le ascelle, il labbro inferiore spinto in avanti, lo sguardo truce. Ci avviciniamo, ci interessiamo a lui e, come unica risposta, riceviamo un’alzata di spalle. Di fronte a un bambino che tiene il broncio ci si sente a disagio: cerchiamo di capire che cosa lo disturba, di indurlo ad aprirsi, di compiacerlo o conquistarlo con una miriade di proposte. In realtà, la

Learn more


MUGHETTO - MUGHETTO MUGHETTO

Il mughetto è un’infezione molto comune nei primi 6 mesi di vita che non deve destare preoccupazioni. Trattato adeguatamente, si risolve in modo rapido e definitivo. I sintomi All’interno della bocca del bambino,sul!a lingua,sulle gengive,sul palato,all’interno delle guance compaiono piccole chiazze bianche, simili alla ricotta, che a volte gli causano fastidio quando deve attaccarsi al seno per la poppata. Le chiazze si tolgono con difficoltà e lasciano una

Learn more


MAL DAUTO - MAL D'AUTO MAL D’AUTO

Andare in auto, ma anche in barca, in aereo e perfino in ascensore o sull’altalena può provocare malessere se l’organismo non si adatta velocemente ai cambiamenti di direzione e di movimento. Il disturbo, detto chinetosi, può procurare una nausea leggera, mal di testa, vertigini, pallore e sudore freddo; nei casi più grati anche vomita Le cause più frequenti ■ Quando il corpo è sottoposto a continui cambiamenti

Learn more


A chi lasciarlo - A chi lasciarlo? A chi lasciarlo?

Per quanto riguarda la delicata domanda “a chi lasciarlo quando tornerò al lavoro?” è opportuno, prima di scegliere, valutare attentamente tutte le opzioni. La baby sitter Si può ricorrere di tanto in tanto a una tata anche prima di ritornare al lavoro (o anche al di là del fatto di andare o meno a lavorare), così come si può scegliere questa soluzione per quando scade il

Learn more


PAURE

Man mano che il bambino diventa più consapevole della realtà che lo circonda, deve anche fare i conti con la paura. Il mondo è una continua scoperta ed è noto che le novità e gli imprevisti appaiono minacciosi anche per un adulto: non se ne conosce l’origine né la ragione, manca il controllo della situazione, non si hanno punti di riferimento basati su esperienze precedenti

Learn more


ADENOIDI - ADENOIDI ADENOIDI

Le adenoidi, due piccole masse di tessuto linfatico situate nella parte posteriore del naso, al di sopra delle tonsille, sono uno dei principali filtri di difesa contro le infezioni delle prime vie aeree e delle orecchie. Se si ingrossano non bisogna preoccuparsi: stanno proteggendo l’organismo. Un ingrossamento eccessivo può impedire il flusso dell’aria attraverso il naso. Di conseguenza, il bambino respira attraverso la bocca: Varia inspirata, non essendo

Learn more


ANNEGAMENTO - ANNEGAMENTO ANNEGAMENTO

Se non si prendono le necessarie precauzioni, il bambino può rischiare di annegare anche in casa durante il bagnetto: sono sufficienti solo 10 secondi in acque profonde anche solo 15 centimetri I sintomi ■ Se ha bevuto poca acqua per qualche secondo, la cosa si risolve con uno spavento, qualche colpo di tosse e conati di vomito, che lo aiutano a liberarsi spontaneamente dei liquidi ingeriti. ■

Learn more