Guida del Bambino




Appena il bambino riesce a picchiare con un legnetto su una superficie, può essere già considerato pronto per i primi giochi musicali: basta tamburellare un ritmo con un cucchiaio su una pentola e chiedergli di imitarci. Se poi accompagniamo le percussioni con canzoncine e parole libere, apprenderà più facilmente il ritmo del linguaggio: veloce o lento, forte o piano, imparando ad aspettare il proprio turno per intervenire.
Uno dei primi giochi musicali, assai simile all’apprendimento della lingua materna, consiste nel far riprodurre con la voce al bambino i suoni più strani: il tintinnio di un bicchiere, il trapano elettrico, il rombo di un motore.
Ascoltando il ritmo della musica, il bambino impara a muoversi armonicamente e a esprimere con il corpo i sentimenti che prova neirascoltare una canzone. Oggi sono innumerevoli le ricerche che dimostrano l’importanza della musica nell’evoluzione del bambino, in particolare nello sviluppo del cervello. Fin dai primi anni di vita l’ascolto della musica provoca un aumento della frequenza delle onde alpha, che sono associate alla creatività, alla coerenza del pensiero,alla capacità di fantasticare e di rilassarsi.
Ma non solo, se fin dai primi anni lo esponiamo all’ascolto di buone musiche gli regaleremo un piacere in più: per tutta la vita, nei momenti di sconforto, potrà rifugiarsi in un’isola felice, attingendo a un gioco mentale che conduce alla scoperta di una gamma infinita di emozioni e che insegna ad approfondirle.

Quali brani

Per iniziare ad ascoltare e a godere della musica non esistono esclusioni. Che sia classica, folk, jazz, o rock, l’importante è evitare i volumi assordanti e alcune musiche contemporanee dai suoni stridenti, che possono risultare angoscianti. Per il resto è essenziale che i brani proposti al bambino piacciano a noi, perché solo così trasmetteremo il piacere dell’ascolto.
Il ricercatore inglese Michele Clements, che ha dedicato anni della sua vita a studiare le reazioni del feto nei confronti della musica, è arrivato alla conclusione che le musiche barocche, in particolare i suoni armonici e squillanti di Vivaldi e di Mozart, calmano e rilassano il bambino. Le conclusioni di Clements sono state confermate dalle ricerche di Don Campbell, autore del libro Effetto Mozart, nel quale si riportano gli esperimenti che dimostrano come le musiche del compositore austriaco e, in genere, quelle barocche stimolino nuove connessioni di neuroni nel cervello dei bambini: sono infatti ricche di simmetrie e modelli ricorrenti che riescono a sviluppare sia l’emisfero destro che quello sinistro, integrandone le funzioni.
Ecco alcuni dei pezzi consigliati da Campbell:
Mozart: Quartetto n. 15 per archi in re minore (K. 421)
Mozart:Quartetto n.llper archi in mi bemolle maggiore (K. 171), Andante
Mozart:Sinfonia n.25 in sol minore (K. 183), Andante
Mozart:Quartetto n. 20per archi in re maggiore (K. 499), Adagio
Vivaldi: Concerto per violino in la minore
Vivaldi: Concerto n. 15 per chitarra e archi in re maggiore. Largo
Bach: Concerti Brandeburghesi
Debussy: Chiaro di Luna
Mendelssohn:Canto di primavera.

Originally posted 2014-10-01 13:28:25.

MUSICA - MUSICA MUSICA

Appena il bambino riesce a picchiare con un legnetto su una superficie, può essere già considerato pronto per i primi giochi musicali: basta tamburellare un ritmo con un cucchiaio su una pentola e chiedergli di imitarci. Se poi accompagniamo le percussioni con canzoncine e parole libere, apprenderà più facilmente il ritmo del linguaggio: veloce o lento, forte o piano, imparando ad aspettare il proprio turno per intervenire. Uno

Learn more


CONVULSIONI - CONVULSIONI CONVULSIONI

Le convulsioni sono contrazioni involontarie di uno o più muscoli. Nei primi 3 anni di vita sono abbastanza comuni perché la maturazione delle cellule del cervello non è giunta a compimento. Se le alterazioni sono limitate a una piccola zona del cervello, provocano formicolio o una contrazione solo in una piccola parte del corpo. Se invece gli squilibri elettrici si diffondono in tutto il cervello, le braccia e le

Learn more


SCHEGGE E SPINE - SCHEGGE E SPINE SCHEGGE E SPINE

Spine e chiodi, ma anche minuscole particelle di legno, di metallo o di vetro possono facilmente penetrare sotto la pelle. Vanno rimossi perché possono causare infezioni. Come si affronta ■ Lavate bene con acqua e sapone la zona interessata. ■ Con la fiamma di un fiammifero o di un accendino sterilizzate la punta di una pinzetta. Lasciatela raffreddare senza pulirla dal fumo. ■Tenendo la pinza

Learn more


BRONCHIOLITE - BRONCHIOLITE BRONCHIOLITE

La bronchiolite è l’infezione dei bronchiali, le sottilissime vie aeree che collegano i bronchi ai polmoni con il compito di fare arrivare l’ossigeno nelle zone più interne. È una malattia molto comune che colpisce i bambini sotto l’anno di vita, e che in genere si risolve nel giro di qualche giorno. Diventa invece più grave nei neonati, nei prematuri e in coloro che soffrono di malattie immunologiche del sistema

Learn more


SUCCHIOTTO E POLLICE - SUCCHIOTTO E POLLICE SUCCHIOTTO E POLLICE

A 1-2 anni il bambino ha ancora bisogno di succhiare e sarà solo a partire dal terzo anno che potrà accantonare il ciuccio o smetterà di succhiarsi il dito a favore di altri oggetti in grado di rassicurarlo. Si tratta di un processo naturale che avviene per gradi e che non c’è bisogno di affrettare perché quest’abitudine non procura alcun danno psicologico, né fisico. Solo se viene

Learn more


Sullistinto materno - Sull'istinto materno Sull’istinto materno

Così come i pediatri stanno cercando di favorire la riscoperta delle tradizioni, per quanto riguarda la cura del bambino in senso generale gli esperti di psicologia dell’età evolutiva mirano a far recuperare alle mamme la sana consapevolezza che per allevare un bambino è bene anche affidarsi al proprio istinto. Sì, si sta parlando proprio di quell’istinto materno in senso ampio che per anni è stato svalutato, dimenticato, giudicato non

Learn more


peso - Il peso Il peso

Il peso del bambino è un indice di benessere, è il dato che più di ogni altro nei primi mesi di vita aiuta a capire se la crescita sta avvenendo in modo armonioso e soddisfacente. In generale, quello che conta di più non è “quanto” il piccolo cresce, ma la regolarità con cui avviene l’aumento di peso: un segnale davvero preoccupante è, infatti, non che l’incremento sia

Learn more


ITTERO DEL NEONATO - ITTERO DEL NEONATO ITTERO DEL NEONATO

L’Ittero non è una malattia ma un sintomo molto comune nei neonati, caratterizzato da una colorazione giallastra della pelle e delle sclere, le parti bianche degli occhi. È dovuto a un eccesso nel sangue di bilirubina, la sostanza color arancio che si forma quando i globuli rossi, ormai vecchi, vengono distrutti e che il fegato del bambino non è ancora in grado di smaltire. A volte le feci sono biancastre

Learn more


SONNO1 - SONNO SONNO

A partire dai 3 mesi di vita il bambino cambia la qualità del suo sonno e si avvicina maggiormente quella dell’adulto: riduce il sonno attivo, instabile, leggero, con frequenti risvegli e movimenti, per aumentare via via le fasi di sonno profondo. A 4 mesi circa il 90% dei bambini dorme almeno sei ore di continuo. Ma non c’è da preoccuparsi se un piccolo non rientra

Learn more


ORTICARIA - ORTICARIA ORTICARIA

Mentre la diagnosi dell’orticaria è estremamente semplice, capirne le cause non è facile, in particolare quando non si tratta di un episodio passeggero. I sintomi Sulla pelle appaiono ponfi, macchie rosse di dimensione e forma variabili, spesso accompagnate da prurito. L’infiammazione colpisce in prevalenza le bracciale gambe e il foracela può comparire in qualsiasi parte del corpo: viso,genitali,occhi, labbra e perfino le mucose interne come la

Learn more