Incidenti più comuni in casa




Se non si prendono le necessarie precauzioni, il bambino può rischiare di annegare anche in casa durante il bagnetto: sono sufficienti solo 10 secondi in acque profonde anche solo 15 centimetri

I sintomi

■ Se ha bevuto poca acqua per qualche secondo, la cosa si risolve con uno spavento, qualche colpo di tosse e conati di vomito, che lo aiutano a liberarsi spontaneamente dei liquidi ingeriti.
■ Se ha bevuto molto e l’acqua contiene sostanze irritanti come sapone o cloro o se l’apnea (arresto temporaneo della respirazione) è stata prolungata, le conseguenze possono essere molto più gravi: la tosse diventa insistente,il bambino respira affannosamente, è confuso e ansioso e può arrivare all’arresto cardio-respiratorio.

Come si affronta

Nei primi minuti di immersione, a causa della chiusura riflessa delle vie respiratorie,l’acqua non riesce a penetrare nei polmoni. Per questo, quanto più tempestivo è il soccorso, tanto maggiori sono le probabilità di salvare il piccolo.

Annegamento lieve

Il bambino è andato sott’acqua, ha bevuto, ma è cosciente. Afferratelo per i piedi e tenetelo a testa in giù in modo da permettere la fuoriuscita dell’acqua ingerita. Se sputa o tossisce è un segnale positivo: indica che l’aria riesce ad arrivare ai polmoni.

■ Se il liquido inalato è irritante (acqua e sapone, acqua e cloro e così via), provocate il vomito: tirate leggermente la lingua fuori dalla bocca e comprimetela in direzione della gola. Chiamate un medico.
■ Se l’acqua è dolce, limitatevi alla compressione del torace senza provocare il vomito.
■ In presenza di movimenti respiratori, anche se irregolari, non bisogna fare la respirazione artificiale.

Annegamento grave

■ Se l’immersione è durata a lungo o il bambino è confuso o incosciente:chiamate immediatamente il 118 o un’ambulanza.
Nel frattempo:
■ Cercate di fargli espellere la maggiore quantità di acqua possibile seguendo le tecniche sopra indicate.
■ Controllate se respira e se batte il cuore. Se queste due funzioni sono regolari, fatelo coricare su un fianco con una coperta per impedire che la temperatura corporea si abbassi troppo e, controllando il battito e il respiro, attendete i soccorsi.
■ Se il respiro e/o il battito cardiaco sono assenti e se sapete applicare correttamente le tecniche di rianimazione, eseguitele facendo molta attenzione a non fare pressioni sullo stomaco per non provocare il vomito, che rischierebbe di soffocarlo.

DA RICORDARE

Anche se il bambino all’apparenza sta bene, è comunque necessario portarlo all’ospedale per tenerlo sotto osservazione. L’acqua potrebbe essere passata dai polmoni al sangue, oppure si potrebbe sviluppare una polmonite.

La prevenzione

Non lasciate mai da solo il bambino nella vasca da bagno o nella piscinetta gonfiabile, meno per un istante.

Originally posted 2014-10-03 13:19:57.

ANNEGAMENTO - ANNEGAMENTO ANNEGAMENTO

Se non si prendono le necessarie precauzioni, il bambino può rischiare di annegare anche in casa durante il bagnetto: sono sufficienti solo 10 secondi in acque profonde anche solo 15 centimetri I sintomi ■ Se ha bevuto poca acqua per qualche secondo, la cosa si risolve con uno spavento, qualche colpo di tosse e conati di vomito, che lo aiutano a liberarsi spontaneamente dei liquidi ingeriti. ■

Learn more


emergenze - Le emergenze Le emergenze

Anche nelle famiglie più attente e preparate possono verificarsi degli incidenti. Nelle situazioni di estremo pericolo conoscere le procedure di emergenza, in attesa dei soccorsi, può salvare la vita di un bambino. In queste pagine, troverete le linee guida per far fronte alle situazioni di emergenza più comuni che si possono verificare in casa.si consiglia di leggerle in un momento di tranquillità per poterle assimilare ed

Learn more


CORPI ESTRANEI - CORPI ESTRANEI CORPI ESTRANEI

Quando il bambino mette in bocca un oggetto e questo entra nello stomaco o nell’intestino, si parla di ingestione di corpi estranei nelle vie gastroenteriche. Nella maggior parte dei casi si tratta per lo più di oggetti piccoli e arrotondati, che attraversano facilmente esofago, stomaco e intestino per essere poi evacuati senza problemi con le feci, interi e indigeriti, entro 24-48 ore. Sono più rischiosi quelli che finiscono

Learn more


SCHEGGE E SPINE - SCHEGGE E SPINE SCHEGGE E SPINE

Spine e chiodi, ma anche minuscole particelle di legno, di metallo o di vetro possono facilmente penetrare sotto la pelle. Vanno rimossi perché possono causare infezioni. Come si affronta ■ Lavate bene con acqua e sapone la zona interessata. ■ Con la fiamma di un fiammifero o di un accendino sterilizzate la punta di una pinzetta. Lasciatela raffreddare senza pulirla dal fumo. ■Tenendo la pinza

Learn more


CONVULSIONI - CONVULSIONI CONVULSIONI

Le convulsioni sono contrazioni involontarie di uno o più muscoli. Nei primi 3 anni di vita sono abbastanza comuni perché la maturazione delle cellule del cervello non è giunta a compimento. Se le alterazioni sono limitate a una piccola zona del cervello, provocano formicolio o una contrazione solo in una piccola parte del corpo. Se invece gli squilibri elettrici si diffondono in tutto il cervello, le braccia e le

Learn more


TRAUMI ALLA TESTA - TRAUMI ALLA TESTA TRAUMI ALLA TESTA

Poiché la zona è molto ricca di vasi sanguigni, traumi anche piccoli sulla testa, sulla fronte o sul volto possono provocare sanguinamenti abbondanti e bernoccoli molto grandi, che però raramente sono gravi. Nel bambino le ossa del cranio sono infatti molto elastiche:fino a che la fontanella non è chiusa, non sono nemmeno saldate insieme. Per questo la testa può subire, senza danni, dei colpi che per un adulto

Learn more


AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI - AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI

Gli avvelenamenti e le intossicazioni sono tra le cause più frequenti delle corse al Pronto soccorso. I veleni possono essere ingeriti, inalati, assorbiti attraverso la pelle, oppure penetrare per via rettale. In molti casi non si riesce a sapere con certezza quello che è successo.il bambino può aver inghiottito qualcosa all’insaputa degli adulti, che quindi non sono in grado di collegare i sintomi con un’eventuale intossicazione. Va tenuto

Learn more


PARAFIMOSI - PARAFIMOSI PARAFIMOSI

Se nel tentativo di scoprire il glande si tira forzatamente indietro il prepuzio, può succedere che non si riesca più a riportarlo nella sua posizione normale. Si parla allora diparafimosi una situazione molto pericolosa perché il prepuzio, che nei primi anni di vita è più stretto rispetto alla base del glande, crea una strozzatura che non permette al sangue di affluire correttamente all’apice del pene. Il rischio è

Learn more


PUNTURE DI INSETTI - PUNTURE DI INSETTI PUNTURE DI INSETTI

Si distinguono due tipi di insetti: quelli che pungono solo per nutrirsi di sangue (zanzare, pappataci, tafani, pulci e cimici) e quelli che lo fanno per difendersi (ape, vespa, calabrone). ■ Zanzare, pappataci, tafani, pulci e cimici Anche se in bambini particolarmente sensibili possono provocare lesioni estese e durature, le punture di questi insetti non sono pericolose né trasmettono malattie gravi, come AIDS o epatite. In

Learn more


SOFFOCAMENTO - SOFFOCAMENTO SOFFOCAMENTO

Nei primi 4 anni di vita, è un incidente frequentissimo nei confronti del quale bisogna agire rapidamente. In genere è dovuto a una caramella, un boccone un oggetto ingerito che si ferma in gola, impedendo la respirazione. La prima cosa da fare è far riprendere al più presto i movimenti respiratori: la mancanza d’ossigeno può provocare lesioni irreversibili alle cellule cerebrali. Dopo 3 minuti di assenza di

Learn more