Incidenti più comuni in casa




Poiché la zona è molto ricca di vasi sanguigni, traumi anche piccoli sulla testa, sulla fronte o sul volto possono provocare sanguinamenti abbondanti e bernoccoli molto grandi, che però raramente sono gravi.
Nel bambino le ossa del cranio sono infatti molto elastiche:fino a che la fontanella non è chiusa, non sono nemmeno saldate insieme. Per questo la testa può subire, senza danni, dei colpi che per un adulto avrebbero conseguenze gravissime.
La frattura del cranio è molto rara e in genere non richiede interventi particolari: se l’osso è fratturato si sentirà al tatto una superficie rigida ma irregolare (l’osso), mentre la fontanella risulta più elastica e molle.
Ancora più rare sono le complicazioni interne, che vanno dalla commozione cerebrale (contusione del cervello), all’ematoma (accumulo di sangue, in genere tra il cranio e il cervello), all’emorragia cerebrale (emorragia all’interno del tessuto cerebrale). Se il bambino sa già parlare e non ricorda il momento del trauma o quello immediatamente precedente o successivo si parta di commozione cerebrale.

Come si affronta
■ Se vi sono tagli o lacerazioni Lavate la zona con acqua e sapone,appoggiatevi sopra una garza sterile o una pezzuola pulita ed esercitate per 10 minuti una certa pressione sulla zona lesa in modo da bloccare l’emorragia.
■ Se c’è un bernoccolo. Applicatevi per una decina di minuti del ghiaccio o, in mancanza di questo, una pezzuola bagnata con acqua molto fredda o un oggetto molto freddo (può essere utilizzato qualcosa che è stato conservato nel freezer).
■ Se non vi sono tagli o ferite, spalmate sopra il bernoccolo uno strato di pomata di Arnica.
Inoltre:
■ Somministrate 4 granuli di Arnica 5 CH ogni mezz’ora fino a 4 volte.

Quando rivolgersi al medico

Chiamate immediatamente il 118 o l’ambulanza se:
■ Il bambino ha meno di un anno.
■ Ha perso conoscenza.
■ Fa fatica a respirare.
■ Qualche ora dopo il trauma vomita, ha mal di testa, sonnolenza, difficoltà a camminare, strabismo o pianto inconsolabile.
■ Ha subito un trauma al collo.
■ Dopo il trauma piange ininterrottamente per più di 10 minuti.
■ Ha convulsioni,perdita di coscienza o delirio.
■ Sulla pelle o sul cuoio capelluto ha una lacerazione che necessita di punti di sutura.
■ Il trauma è stato molto violento.
■ Passando un dito, con molta cautela e gentilezza, senza mai premere, su tutto il capo del bambino riscontrate una frattura.
■ Aspettando i soccorsi,tenete il bambino sdraiato e fermo, con addosso una coperta non troppo pesante.
■ Se non è cosciente, sdraiatelo su un fianco in modo che la testa poggi su una guancia. Se sospettate una frattura alla colonna vertebrale, non mettetelo in questa posizione ma lasciatelo fermo nella situazione in cui si trova. Il trasporto all’ospedale deve avvenire con grande cautela.

DA RICORDARE

Non fate dormire a lungo il bambino che ha subito un forte colpo alla testa. Non dategli nulla da bere.
Se dal naso o dall’orecchio esce del liquido trasparente o macchiato di sangue, non bloccate il gocciolio.
Il vomito o il pianto prolungato subito dopo il trauma non devono destare preoccupazione.

Nei giorni successivi

È importante verificare che non vi siano lesioni interne. Nelle 48 ore dopo il trauma.con particolare attenzione nelle prime 8, bisogna controllare che parli e cammini correttamente:
■ La prima notte dopo il trauma svegliatelo 2 volte: una prima volta quando andate a letto voi, la seconda a distanza di 4 ore.
■ Dormite nella stessa camera del bambino, in modo da accorgervi se qualcosa non va e. in tal caso, svegliatelo.
■ Se trascorse 48 ore non notate alcun problema, il bambino può ritornare a svolgere una vita normale.

Quando rivolgersi al medico

Portate immediatamente il bambino al Pronto soccorso o chiamate un’ambulanza se:
■ Il bambino sa parlare e non ricorda il momento del trauma.
■ È in uno stato di sonnolenza e riuscite a svegliarlo con difficoltà.
■ Ha difficoltà di parola.
■ Piange in modo insolito.
■ Ha vomitato almeno 3 volte.
■ Dal naso o da un orecchio esce sangue o liquido acquoso.
■ Ha un mal di testa che non passa.

Originally posted 2014-10-03 14:59:02.

TRAUMI ALLA TESTA - TRAUMI ALLA TESTA TRAUMI ALLA TESTA

Poiché la zona è molto ricca di vasi sanguigni, traumi anche piccoli sulla testa, sulla fronte o sul volto possono provocare sanguinamenti abbondanti e bernoccoli molto grandi, che però raramente sono gravi. Nel bambino le ossa del cranio sono infatti molto elastiche:fino a che la fontanella non è chiusa, non sono nemmeno saldate insieme. Per questo la testa può subire, senza danni, dei colpi che per un adulto

Learn more


AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI - AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI AVVELENAMENTI E INTOSSICAZIONI

Gli avvelenamenti e le intossicazioni sono tra le cause più frequenti delle corse al Pronto soccorso. I veleni possono essere ingeriti, inalati, assorbiti attraverso la pelle, oppure penetrare per via rettale. In molti casi non si riesce a sapere con certezza quello che è successo.il bambino può aver inghiottito qualcosa all’insaputa degli adulti, che quindi non sono in grado di collegare i sintomi con un’eventuale intossicazione. Va tenuto

Learn more


PARAFIMOSI - PARAFIMOSI PARAFIMOSI

Se nel tentativo di scoprire il glande si tira forzatamente indietro il prepuzio, può succedere che non si riesca più a riportarlo nella sua posizione normale. Si parla allora diparafimosi una situazione molto pericolosa perché il prepuzio, che nei primi anni di vita è più stretto rispetto alla base del glande, crea una strozzatura che non permette al sangue di affluire correttamente all’apice del pene. Il rischio è

Learn more


PUNTURE DI INSETTI - PUNTURE DI INSETTI PUNTURE DI INSETTI

Si distinguono due tipi di insetti: quelli che pungono solo per nutrirsi di sangue (zanzare, pappataci, tafani, pulci e cimici) e quelli che lo fanno per difendersi (ape, vespa, calabrone). ■ Zanzare, pappataci, tafani, pulci e cimici Anche se in bambini particolarmente sensibili possono provocare lesioni estese e durature, le punture di questi insetti non sono pericolose né trasmettono malattie gravi, come AIDS o epatite. In

Learn more


SOFFOCAMENTO - SOFFOCAMENTO SOFFOCAMENTO

Nei primi 4 anni di vita, è un incidente frequentissimo nei confronti del quale bisogna agire rapidamente. In genere è dovuto a una caramella, un boccone un oggetto ingerito che si ferma in gola, impedendo la respirazione. La prima cosa da fare è far riprendere al più presto i movimenti respiratori: la mancanza d’ossigeno può provocare lesioni irreversibili alle cellule cerebrali. Dopo 3 minuti di assenza di

Learn more