SINUSITE

Creato da admin
SINUSITE - SINUSITE

La sinusite colpisce i seni paranasali, le cavità contenute nelle ossa del cranio collegate al naso tramite piccoli condotti che garantiscono il passaggio dell’aria e del muco.
I seni paranasali sono rivestiti da mucose simili a quelle presenti nelle fosse nasali.
Hanno il compito di scaldare, filtrare e umidificare l’aria che arriva ai polmoni.
Quando le normali secrezioni del naso non riescono a fuoriuscire, si accumulano ne seni nasali e li ostruiscono provocando una sensazione di pressione e di congestione.

I sintomi

Man mano che il bambino cresce, i seni si riempiono di aria, ovvero si pneumatizzano.il
seno che si trova dietro la radice del naso è il primo a pneumatizzarsi; verso i 6 anni, seguono quelli della mascella e infine quello alla base del cranio, negli anni dell’adolescenza.
È per questo che i lattanti non soffrono di sinusite: i loro seni non si sono ancora pneumatizzati. Per lo stesso motivo la localizzazione della sinusite, a seconda dell’età, può cambiare. Nel bambino le cavità che si riempiono di muco sono i seni posti alla radice del naso.
Poiché i sintomi della sinusite sono comuni ad altre malattie, la malattia spesso non viene riconosciuta. Nel bambino piccolo i segnali più frequenti di sinusite, che sono diversi da quelli che si manifestano nei bambini più grandi e negli adulti, sono:
■ Un’emissione di muco giallo-verdastro dal naso che dura oltre 10-12 giorni continuativamente (più del 75% dei casi).
■ Dolore alle orecchie (65-70% dei casi).
■Tosse persistente (50% dei casi).
■ Febbre o febbricola (nel 20% dei casi).
■ Mal di testa (circa il 15% dei casi).

Le cause
■ Nella maggior parte dei casi la sinusite è dovuta a un’infezione da batteriche spesso si sovrappone a un’infezione da virus, come quella del raffreddore.
■ L’allergia o l’intolleranza alimentare, l’irritazione causata dal fumo della sigaretta, dagli inquinanti atmosferici e dal cloro delle piscine possono indurre uno stato di costante infiammazione dei seni paranasali e portare, nel lungo periodo, alla sinusite cronica.
■ In un numero ristretto di casi la sinusite può essere la complicazione di una malattia infettiva, oppure essere la conseguenza di una deviazione del setto nasale.

Come si affronta
Con le misure igieniche

■ Per accelerare la guarigione e ridurre il disagio è molto importante rimuovere il muco nasale con l’apposito aspiratore che si compra in farmacia.
■ Gli ambienti in cui il bambino vive devono essere liberi da fumo di sigaretta, sostanze inquinanti, odori irritanti causati da detersivi, vernici, coloranti.
■ Diversamente dall’acqua di mare, che esercita un’azione purificante, il cloro utilizzato per disinfettare l’acqua delle piscine è particolarmente irritante per le mucose che ricoprono le pareti dei seni paranasali.Va quindi evitato.
■ Mantenete umida l’aria della stanza dove soggiorna il bambino con un umidificatore da tenere molto pulito per evitare l’accumulo di germi, o con vaschette di acqua sui caloriferi.

Con l’alimentazione

■ Fate bere al bambino molti liquidi caldi, succhi di verdura e brodo di pollo per facilitare il
drenaggio dei seni paranasali. La limonata calda,preparata mescolando uguali quantità di acqua e di succo di limone e addolcita con sciroppo d’acero, riduce la produzione di muco.
■ Eliminate per 2 settimane dalla dieta del bambino il latte e i suoi derivati, che aumentano la produzione e la densità del muco.

Con l’idroterapia

Le applicazioni locali di calore alleviano la congestione:
■ Preparate una compressa di vapore con un panno di lino, ripiegatelo più volte come un fazzoletto e arrotolatelo. Immergetelo quindi in una pentola di acqua in ebollizione e lasciatelo bollire per 5 minuti. Estraetelo dall’acqua con una pinza e avvolgetelo in un piccolo asciugamano asciutto,quindi strizzatelo. Levate il panno dall’asciugamano,avvolgetelo in un telo asciutto di lino o di cotone e applicatelo sul naso coprendo tutte le zone circostanti .Tenete la compressa fino a quando non si raffredda e quindi cambiatela.
■ Mettete una grossa radice di zenzero in un litro di acqua, portate a ebollizione e cuocete per circa 15 minuti. Utilizzate l’infuso ottenuto per fare frequenti impacchi caldi.

Con l’aromaterapia

Mettete in 15 mi di olio di mandorle dolci 2 gocce di olio essenziale di menta piperita, 4 gocce di olio essenziale di eucalipto e 3 gocce di olio essenziale di lavanda, mescolate accuratamente. Mettete 2 gocce della miscela su un fazzoletto e fatene inalare i vapori al bambino 3-4 volte al giorno.

Con la fitoterapia

Mettete alcune gocce di tintura madre di idraste o di echinacea diluite in un po’ d’acqua tisana calda,fate riposare per 5 minuti in modo che l’alcol evapori,offritela al bambino 3 volte al giorno: fino a 2 anni 3 gocce; dai 2 annni in poi 6 gocce.

Con la digitopressione

L’agopuntura e le tecniche simili, come la riflessologia e la digitopressione, ottengono buoni risultati nell’alleviare il dolore della sinusite.
Se non vi rivolgete alle cure di un professionista, con il pollice e l’indice premete i 2 punti dove il naso si congiunge alle sopracciglia.

Con le cure termali

1 bambini che soffrono frequentemente di sinusite trovano spesso giovamento nelle cure termali. Le acque solfuree sono particolarmente efficaci nell’eliminare il catarro,mentre quelle salso-iodiche sono indicate per ridurre l’ingrossamento delle mucose nasali.
Nelle sinusiti in cui non sia presente il rigonfiamento delle mucose le cure termali danno risultati più modesti.

Con la medicina omeopatica

In caso di sinusite va effettuata una terapia che si ricollega alle cause del malessere e alle caratteristiche del bambino. Nel caso in cui non si riesca a contattare il medico, si consigliano i seguenti rimedi, da adottare nelle prime 48 ore, in attesa di indicazioni precise. I granuli si sciolgono in poca acqua in un bicchiere o in un cucchiaino di plastica (non di metallo) e si somministrano lontano dai pasti.
■ Se la secrezione nasale è gialla o giallo-verde: Hepar sulfuris 5 CH, 2 granuli 4 volte al giorno.
■ Se il naso è otturato e il bambino ha l’alito cattivo: Mercurius solubilis 5 CH, 2 granuli 4 volte al giorno.
■ Se il muco è bianco e filamentoso: Kali bichromicum 5 CH, 2 granuli 4 volte al giorno.

Con la medicina convenzionale

In genere la sinusite si risolve senza trattamenti nel giro di una settimana.Vi possono però essere complicazioni batteriche, che si riconoscono dal fatto che dal naso fuoriesce una secrezione gialla. La zona sopra e intorno agli occhi si arrossa e si gonfia. In questi casi, il pediatra prescrive una terapia con gli antibiotici che dura almeno 10 giorni.

Quando rivolgersi al medico
Chiamate immediatamente il pediatra se:

■ Il bambino ha le guanceje palpebre o la fronte gonfie o arrossate.
■ Sembra molto sofferente.

Chiamatelo durante le ore di ambulatorio se:

■ Il bambino ha il naso chiuso e tossisce da 2-3 settimane.
■ Ha dolore agli zigomi e al naso e non riesce a dormire bene.
■ Ha la febbre.
■ È soggetto a sinusiti ricorrenti.
■ Le secrezioni nasali sono gialle e persistenti.
■ La situazione non migliora dopo 48 ore nonostante le cure.

Originally posted 2014-10-03 09:25:11.

Comments

comments

neonato sinusite dorme.